direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Dai Comites d’Australia un documento sulla nuova politica del Governo australiano per il rilascio dei visti

ITALIANI ALL’ESTERO

MELBOURNE – In risposta all’invito del Department of Immigration and Border Protection, i Comitati degli italiani all’estero in Australia hanno elaborato un documento in relazione ai recenti cambiamenti al sistema di rilascio dei visti da parte del Governo australiano.

Tale elaborato è il frutto di una consultazione fra tutti i Comites presenti sul territorio ed è stato redatto con l’ausilio di consulenti locali, quali il professore associato Bruno Mascitelli (Swinburne University of Technology) e il dottor Riccardo Armillei (Deakin University), e vuole portare all’attenzione del Dipartimento dell’Immigrazione e Protezione dei Confini australiano alcune problematiche legate alla recente riforma del rilascio dei visti per stranieri.

In particolare, si fa riferimento alla necessità di un maggiore interessamento e assistenza da parte delle autorità locali nei confronti di coloro che fanno domanda di visto, al talvolta eccessivo e ingiusto sfruttamento lavorativo degli immigrati temporanei, al riconoscimento delle qualifiche acquisite all’estero e alla promozione di una maggiore e più chiara informazione mirata a coloro che decidono di venire in Australia poiché spesso possiedono nozioni incorrette o hanno aspettative esageratamente ottimistiche.

Il Presidente del Comites del Victoria e Tasmania Francesco Pascalis, ha dichiarato: “E’ decisamente importante migliorare il sistema di rilascio dei visti e, secondo noi dei Comites, questo può essere fatto a vantaggio di entrambe le parti: sia quella del Governo Federale, sia quella degli italiani che desiderano venire in Australia per motivi di lavoro. Con i punti da noi presentati in questo documento, speriamo di portare un contributo positivo all’avvio di politiche di immigrazione più efficienti e proficue per tutti. E’ importante incentivare l’arrivo di personale qualificato compatibile con le esigenze del mercato del lavoro australiano e, allo stesso tempo, valorizzare e tutelare gli italiani al fine di farli sentire parte integrante della comunità e non risorse a volte esposte allo sfruttamento. Inoltre, vorrei cogliere l’occasione per ringraziare tutti i Comites per il loro contributo: ciò rappresenta la dimostrazione del fatto che, se ci si impegna correttamente, ‘fare sistema’ è di per sé possibile con le strutture già presenti attualmente all’interno della comunità italiana”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform