direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Da Marco Fedi (Pd) un’interrogazione sulle norme locali per il lavoro e la previdenza del personale a contratto in servizio presso la rete diplomatico consolare in Australia

ATTIVITA’ PARLAMENTARE
Ai ministri degli Esteri e del Lavoro
Da Marco Fedi (Pd) un’interrogazione sulle norme locali per il lavoro e la previdenza del personale a contratto in servizio presso la rete diplomatico consolare in Australia
Chieste quali iniziative si intendano intraprendere per disporre il passaggio dai sistemi previdenziali e assicurativi italiani (Inps e Inail) ai regimi locali
ROMA – “Rispettare tutte le norme su lavoro e previdenza”, è la richiesta rivolta dal deputato del Pd Marco Fedi, eletto nella Ripartizione Africa Asia Oceania e Antartide, ai ministri degli Esteri Bonino e del Lavoro Giovannini interrogati sul pieno rispetto delle norme locali su lavoro e previdenza per il personale a contratto locale impiegato in Australia.
“L’Amministrazione degli Esteri- ricorda Fedi – ha dato seguito alla piena applicazione della Convenzione fiscale tra Italia e Australia operando le ritenute fiscali da versare al fisco australiano ma non ha ancora adottato le norme locali che prevedono, per il sostituto d’imposta, anche i versamenti obbligatori ai fondi previdenziali e la copertura assicurativa per malattia e infortuni. Tale obbligo si applica a tutto il personale a contratto italiano e a contratto locale e riguarda i regimi denominati rispettivamente superannuation e workers compensation”.
Nell’interrogazione si chiede “quali immediate iniziative si intendano intraprendere per disporre il passaggio dal regime previdenziale italiano INPS a quello locale facente capo alla Superannuation, di tutto il personale a contratto (nazionale italiano e locale) in servizio presso la rete diplomatico consolare in Australia e quali urgenti ed immediate iniziative si intendano adottare per garantire il passaggio dall’INAIL al regime assicurativo locale “workers compensation”, in considerazione degli obblighi e responsabilità derivanti dalla piena applicazione della legislazione locale in materia di prevenzione degli infortuni e di assicurazione malattia”. “Ritengo indispensabile – conclude Fedi – che anche in questa fase delicata e difficile per il nostro Paese vengano rispettati in pieno sia gli accordi internazionali che le norme relative a lavoro e previdenza”. (Inform)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform