direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Da “America Oggi.info” Il Presepe Napoletano a New Haven

TRADIZIONI DEL NATALE

 

 

 

È in mostra dal primo dicembre a New Haven presso il Museo Nights of Columbus di New Haven il Presepe Napoletano proveniente dalla Bottega d’Arte Cantone e Costabile di Napoli, che l’anno scorso ha realizzato per Papa Francesco il Presepe in Piazza San Pietro a Roma.

La mostra, chiamata “Buon Natale: Creches of Italy Christmas exhibition”, è stata allestita dall’azienda Cantone con un grosso presepe monumentale, tre scene, circa 100 pastori con più di 40 animali realizzati con la tecnica del presepe settecentesco: testa, mani e piedi di terracotta, gli occhi in vetro e il corpo fatto di fili di ferro e paglia, gli abiti in tessuto per dare alle statue estremo verismo e in modo da posizionarli nel modo migliore, più espressivo possibile.

Gli animali in terracotta hanno gli occhi di vetro dipinti dall’interno. Le minuterie sono in cera precolorata. La natività napoletana è stata collocata tra le rovine romane come nel 700 per far capire che la cristianità nasceva sulle rovine del paganesimo.

In occasione dell’apertura dell’esposizione del Presepe, ammirando la scenografia, abbiamo parlato con il titolare della Bottega dell’Arte: Antonio Cantone che ci ha detto: “Noi siamo la bottega che l’anno scorso ha realizzato il presepe in Piazza San Pietro che ha riscosso notevole successo; in particolare, è piaciuto moltissimo a Papa Francesco che ha ritrovato nel Presepe napoletano esposto in piazza alcuni particolari della sua nuova dottrina, l’adorazione del Bambino. Il Presepe Napoletano rappresenta 3 scene fondamentali, oltre le solite tradizionali: la natività del Cristo sulla terra che si fà bambino e si presenta come il più indifeso degli esseri umani. A sinistra una taverna ambientata nel 700 napoletano che rappresenta il vizio, il male e il demonio. La terza scena importante per il Presepe napoletano è l’annuncio, l’angelo che annuncia ai pastori che dormono la venuta del Cristo”.

Cantone ha concluso mostrandoci il pastore che dorme e che si chiama Benino perché rappresenta il bene e l’umanità che dorme prima della venuta del Cristo, e viene svegliata da questo nuovo Vangelo, il Vangelo del Cristo.

Presenti anche l’architetto Antonella Scardigno e Simone Braguglia che da più di dieci anni si sono occupati con l’ufficio di Roma di portare l’arte italiana e i presepi differenti negli Stati Uniti.

Il direttore del Museo Kathryn Cogan con il curatore Bethany Sheffer e Jess Mallory addetto ai servizi, hanno sottolineato l’importanza di avere in mostra il presepe italiano che rappresenta la nascita del bambino Gesù venuto al mondo per tutti noi e la nostra salvazione. Il presepe arriva puntuale per il periodo natalizio qui nella zona di New Haven, Connecticut e New England dove ci sono molti italiani e italo-americani.

“Da 3 anni la gente ci chiede del presepe napoletano, finalmente quest’anno ci siamo riusciti ed abbiamo esposto il meglio del meglio”, ha detto Jess Mallory un funzionario del museo.

Il cav. Nicola Trombetta, presidente della Federazione Campania USA, accompagnato dal segretario esecutivo Elena Loguercio, in occasione dell’apertura della mostra, ha consegnato due medaglie ricordo della Federazione ad Antonio Cantone e a Kathryn Cogan, direttore del Museo.

Il Presepe resterà esposto a New Haven fino al primo febbraio. Orario di apertura: tutti i giorni dalle 10 am alle 5 pm. Ingresso libero. Indirizzo: 1 State Street, New Haven, CT. (Alfonso Panico-America Oggi.info/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform