direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ctim: “Consentire il transito transfrontaliero per motivi familiari agli italiani iscritti all’Aire”

ASSOCIAZIONI

 

 

ROMA – “Consentire il transito transfrontaliero per motivi familiari agli italiani iscritti all’AIRE”. Questa la richiesta al Governo del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo, che interviene su una “criticità significativa ai tempi dell’emergenza Covid”. “Dallo scorso 4 maggio, con il Dpcm 26 aprile 2020 che regola l’apertura della fase 2 dell’emergenza Covid 19, si è concesso – ricorda il Ctim – ai cittadini italiani di spostarsi, per visitare i congiunti, dal comune di residenza ad altri della stessa regione. Può dunque verificarsi che per raggiungere un congiunto si percorrano anche distanze di una certa rilevanza. Al contrario, però, è negato – rileva l’Associazione – di spostarsi di qualche chilometro per raggiungere i congiunti in Italia, ai lavoratori transfrontalieri iscritti all’Aire”.

Secondo il Ctim “la norma non ha tenuto conto di un fatto molto particolare, che investe soprattutto il confine italo svizzero, in cui molti lavoratori ‘frontalieri’ prendono residenza pochi chilometri oltre il confine e mantengono il nucleo familiare in Italia”. “Paradossalmente – fa osservare il Ctim – non è ammesso che un cittadino italiano residente a Chiasso percorra 50mt. di dogana per recarsi a Como a trovare un congiunto”. “E’ da notarsi peraltro – prosegue il Ctim – che tale situazione confligge col  principio di reciprocità tra stati, alla luce del fatto che la Svizzera ammette già attualmente l’ingresso del cittadino italiano in territorio elvetico per far visita al coniuge o permettere che i figli minori vedano il genitore, senza sottoporre il soggetto a misure di quarantena e senza legare l’ingresso all’ esistenza di un permesso di residenza o soggiorno. L’attuale Dpcm consente a qualunque cittadino, italiano o meno, l’ingresso temporaneo in Italia per comprovate esigenze lavorative per 72 ore prorogabili di altre 48, ma non contempla invece – ribadisce l’Associazione – , che, nelle sopra richiamate realtà di frontiera, chi lavora all’estero raggiunga i familiari in Italia per esigenze affettive”. Il Ctim  avanza pertanto la richiesta di “far modificare la norma del Dpcm consentendo ai cittadini iscritti Aire il diritto all’ingresso temporaneo in Italia per ragioni familiari”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform