direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Covid-19. Prima videconferenza in Bosnia Erzegovina tra i responsabili degli ospedali in tutto il Paese e gli esperti italiani

RETE DIPLOMATICA

Ambasciatore Minasi: Unire le informazioni e scambiare le esperienze è fondamentale

SARAJEVO – “Di fronte al COVID-19 tutti siamo nella stessa condizione. Unire le informazioni e scambiare le esperienze è fondamentale. E’ per questo che l’Italia, assieme alle Nazioni Unite in Bosnia Erzegovina, ha organizzato una prima videconferenza tra i responsabili degli ospedali in tutto il Paese e gli esperti che si stanno confrontando direttamente con questa sfida in Italia”.

Così l’Ambasciatore d’Italia in Bosnia Erzegovina, Nicola Minasi, ha commentato l’iniziativa congiunta lanciata ieri per videoconferenza, in collaborazione con il Coordinatore Residente delle NU in Bosnia Erzegovina, Ingrid Macdonald, assieme all’ufficio locale dell’OMS ed alle autorità sanitarie della BiH, con circa 30 partecipanti dai vari ospedali in tutto il Paese.

In questo primo incontro, che sarà seguito da altri a frequenza regolare, sono state affrontate soprattutto le procedure d’emergenza a tutela del personale sanitario negli ospedali ed i sistemi di reazione nel medio periodo.

Da parte italiana sono intervenuti la Protezione Civile, con il coordinatore per gli affari internazionali, Dr. Giovanni De Siervo ed il Dr. Danilo Bilotta e l’Istituto Superiore di Sanità, con il responsabile dell’ufficio relazioni internazionali, Dr. Luca Rosi. Presenti inoltre due ufficiali medici italiani, che su indicazione del Ministero della Difesa italiano saranno dispiegati a breve nel contingente EUFOR in Bosnia Erzegovina, per assistere la forza europea e collaborare direttamente con le autorità locali nella risposta all’epidemia, visitando gli ospedali e condividendo l’esperienza italiana.

La sessione è stata ricca e interattiva ed ha posto le basi per una collaborazione rafforzata tra Italia, Nazioni Unite ed ospedali locali. Come prima vittima della pandemia in Europa, l’Italia vuole condividere tutta la propria esperienza per aiutare i Paesi amici. La Bosnia Erzegovina è il primo Paese con cui l’Italia stabilisce questa collaborazione, a livello europeo e mondiale. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform