direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Coronavirus, Ambasciata e Consolati in Spagna impegnati ad assistere i turisti italiani

ITALIANI ALL’ESTERO

Dalla redazione di Madrid de “La Voce d’Italia”(Venezuela)

 

 

MADRID – Una doccia fredda. La decisione del Governo Sánchez di cancellare i voli diretti che collegano la Spagna con l’Italia è stata accolta dai tanti connazionali in vacanza in questo paese, con sorpresa e apprensione. Soprattutto da quelle famiglie che hanno concluso o stanno per concludere la villeggiatura. Ambasciata, Cancelleria Consolare di Madrid e Consolato Generale di Barcellona, in questi giorni, sono impegnati ad aiutare nel limite del possibile i connazionali. Per questa emergenza sono a disposizione quattro numeri telefonici (+34.608664867 e +34.608914128 dalle ore 9:00 alle 16:00;  +34.639484118 dalle ore 13:00 alle 20:00 e +34.650419164 dalle ore 15.30 alle 20:00) ed indirizzi di posta elettronica dedicati (madrid.coronavirus@esteri.it e barcellona.coronavirus@esteri.it ).

Fonti della nostra Ambasciata hanno assicurato che per il momento non è previsto un ponte aereo come deciso dal Governo per i connazionali che rimasero bloccati in Cina. In Spagna oltre ai più di 300mila residenti di origine italiana ci sono anche centinaia di turisti e lavoratori temporanei. Impossibile conoscerne il volume poiché, come in tutta l’Unione Europea, vi è la libera circolazione nel territorio Schengen.

Per il momento l’Ambasciata consiglia soluzioni alternative per coloro che hanno urgenza di tornare a casa. Ad esempio, le triangolazioni con scali aerei in altre città europee. Ad esempio, Amsterdam, Francoforte, Monaco e Parigi. Altra possibilità è offerta dai traghetti che quotidianamente partono da Barcellona diretti a Civitavecchia, Porto Torres o Genova. Ciò, per il momento, è ancora possibile. Ma è ipotizzabile che, se dovesse aggravarsi l’emergenza, le autorità spagnole e quelle italiane potrebbero decidere provvedimenti ancor più restrittivi.

Per il momento, stando a fonti dell’ambasciata i Consolati sono impegnati al 100 per cento ad aiutare i connazionali a superare questa emergenza.(La Voce d’Italia , 12 marzo/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform