direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Cooperazione sanitaria per la cura del tumore alla cervice in Mozambico: consegnato un nuovo apparecchio al Centro di Salute di Moamba

MEDICI CON L’AFRICA CUAMM

MAPUTO – Il centro di salute di Moamba Sede, nella Provincia di Maputo, dispone da oggi di una nuova apparecchiatura LEEP (Loop Electrosurgical Excision Procedure) per la cura del tumore alla cervice. Grazie al progetto “Prevenzione e controllo delle malattie non trasmissibili”, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e realizzato da Medici con l’Africa Cuamm, in partnership con Comunità di Sant’Egidio e AIFO, questo macchinario potrà aiutare centinaia di donne nella cura di uno dei tumori più diffusi in Mozambico. Nei giorni scorsi, sempre nel quadro della stessa iniziativa, un apparecchio analogo è stato donato all’ospedale rurale di Nhamatanda, nella Provincia di Sofala.

La cerimonia di consegna ha visto la partecipazione di diverse autorità, tra cui il Governatore della Provincia di Maputo Julio José Parruque, il Direttore del Dipartimento Provinciale di Salute (DPS, Departamento Provincial de Saúde) Daniel Arlindo Chemane, la Titolare dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – Sede di Maputo Ginevra Letizia, insieme ai rappresentanti di Cuamm, Comunità di S. Egidio e AIFO.

«Il Centro di salute di Moamba Sede – ha spiegato il dott. Daniel Arlindo Chemane, direttore della DPS di Maputo – da tempo sta beneficiando del progetto di prevenzione e controllo delle NCDs (Non-communicable diseases), finanziato da AICS, e può vantare di aver salvato molte donne e adolescenti grazie alle attività di screening e trattamento precoce dell’HPV. Con l’apparecchiatura installata oggi, si creerà un collegamento tra i servizi di Salute Materno Infantile e cancro al collo dell’Utero di Moamba con altre 10 unità sanitarie del distretto, migliorando il servizio e aumentando il beneficio sulla popolazione».

«La consegna di quest’apparecchio per la LEEP – afferma Giorgia Gelfi, Rappresentante Paese di Medici com l’Africa Cuamm – rientra in una più ampia strategia di Medici con l’Africa Cuamm a supporto del Ministero della Salute, per garantire accesso alle cure di qualità di tutte le donne mozambicane. Non è un caso che venga realizzata nel mese di Ottobre, che in Mozambico è dedicato alla salute femminile, ricordandoci che attraverso concrete azioni di prevenzione e cura possiamo garantire una migliore qualità di vita».

In Mozambico, il tumore alla cervice rappresenta più di 1/4 di tutti i cancri diagnosticati nelle donne, con il maggior tasso di morbi-mortalità anche a causa della diffusione dell’HIV. Dal 2009 il Ministero della Salute Mozambicano ha avviato un programma di controllo e prevenzione del tumore alla cervice, con l’obiettivo di raggiungere tutte le donne in età fertile; in dieci anni di attività si è passati dallo screening dell’1% di donne in età fertile (84.900 donne) al 23% (1.035.157).

Questo progetto e’ parte di una lunga partnership tra la Cooperazione Italiana e il Governo Mozambicano – ha dichiarato Ginevra Letizia, titolare della Sede AICS di Maputo – in particolare nel settore sanitario, che si traduce in un supporto diretto al Ministero della Sanita per la promozione del diritto alla salute e il miglioramento dell’accesso ai servizi di base, migliorandone la disponibilita’ e la qualita’, con un focus speciale su settori prioritari come il controllo delle malattie non trasmissibili e il cancro, la salute materno infantile, HIV, TB e malaria e la formazione del personale sanitario”.

Il progetto “Prevenzione e Controllo delle Malattie non Trasmissibili“, realizzato nelle Province di Maputo, Sofala e Zambézia grazie al sostegno dell’Agenzia Italiana di Cooperazione allo Sviluppo, in collaborazione con il Ministero della Salute e insieme alle OSC Medici con l’Africa Cuamm, Comunità di S. Egidio e AIFO, ha una durata di 3 anni; al termine delle attivita’, due ospedali e 12 Centri di salute disporranno di personale formato, sale equipaggiate e un sistema di raccolta dati per garantire servizi di screening e cura per diabete, ipertensione e tumore al collo dell’utero.

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO – Sede di Maputo

Con un portafogli di iniziative per oltre 230 milioni di euro, e focalizzata su 5 cluster di intervento specifici (Servizi di base, Sviluppo economico, Agricoltura, Infrastrutture e Ambiente), AICS Maputo collabora in campo sanitario col Ministero della Salute Mozambicano attraverso il contributo diretto al Fondo Comune Multidonatori, oltreche’  supportando 8 progetti promossi e affidati ad Organizzazioni della Società Civile italiana in partnership con istituzioni locali .

MEDICI CON L’AFRICA CUAMM

Nata nel 1950, Medici con l’Africa Cuamm è la prima Ong in campo sanitario riconosciuta in Italia e la più grande organizzazione italiana per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane. Realizza progetti a lungo termine in un’ottica di sviluppo, intervenendo con questo approccio, anche in situazioni di emergenza, per garantire servizi di qualità accessibili a tutti. Oggi Medici con l’Africa Cuamm è impegnato in 8 paesi dell’Africa sub-Sahariana (Angola, Etiopia, Mozambico, Repubblica Centrafricana, Sierra Leone, Sud Sudan, Tanzania, Uganda) con oltre 4.500 operatori sul campo, di cui 230 italiani. Appoggia 23 ospedali, 80 distretti (per attività di sanità pubblica, assistenza materno-infantile, lotta all’Aids, alla tubercolosi, alla malaria e formazione), 3 scuole per infermieri (in Sud Sudan, Uganda ed Etiopia) e una università in Mozambico.

COMUNITÀ DI SANT’EGIDIO

La Comunità di Sant’Egidio nasce a Roma nel 1968 ed è oggi presente in oltre 70 paesi del mondo con attività di aiuto ai poveri, cooperazione internazionale e sostegno ai processi di pace. Sant’Egidio opera in Africa in ambito sanitario dalla fine degli anni ’80. Oggi il programma DREAM lavora in 11 paesi africani, con 48 centri di salute e 25 laboratori di biologia molecolare, tutti gestiti da personale locale adeguatamente formato per assicurare un servizio di qualità, secondo gli standard europei, e totalmente gratuito.

AIFO

Nata nel 1961, AIFO è una ONG che opera nel campo della Cooperazione Internazionale allo Sviluppo, realizzando iniziative socio-sanitarie per i diritti degli ultimi e per lo sviluppo inclusivo. E’ partner dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e in particolare collabora con l’Unità per la Disabilità e la Riabilitazione dell’OMS per promuovere l’approccio dello Sviluppo Inclusivo su Base Comunitaria. AIFO è anche tra i fondatori di ILEP (Federation of Anti-Leprosy Associations), IDDC (International Disability & Development Consortium) e RIDS (Rete Italiana Disabilità e Sviluppo. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform