direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Cooperazione internazionale di polizia: al via il training per i 27 investigatori albanesi

INTERNO

Messa a disposizione la migliore expertise nazionale su lotta a criminalità organizzata e narcotraffico. Il prefetto Vittorio Rizzi all’apertura dei lavori

ROMA – È cominciato a Roma il training formativo di una settimana per 27 investigatori albanesi dell’NBI (National Bureau of Investigation), Ufficio simile alla Direzione Investigativa Antimafia italiana e che fa parte della SPAK, la nuova struttura speciale istituita in Albania per la lotta alla corruzione e al crimine organizzato con al suo interno anche la Procura Speciale (SPO).

Lo aveva preannunciato la scorsa settimana a Tirana, durante il suo intervento al tavolo permanente tra Italia e Albania sui fenomeni criminali nel post-pandemia, il prefetto Vittorio Rizzi – vice capo della polizia, direttore centrale della Polizia Criminale – che ha partecipato all’apertura dei lavori insieme a Maurizio Vallone, direttore della DIA, Arben Kraja, procuratore della Procura Speciale e Aida Hajnaj, direttrice del National Bureau of Investigation.

L’iniziativa, realizzata nell’ambito del progetto Pameca V – finanziato dall’Unione europea e a guida italiana – ha lo scopo di rafforzare ulteriormente la cooperazione bilaterale di polizia tra i due Paesi, mettendo a disposizione dei colleghi albanesi la migliore expertise nazionale su temi strategici quali la lotta alla criminalità organizzata e al narcotraffico.

L’attività di training, organizzata dalla DIA, si articolerà su seminari tematici e visite a strutture d’eccellenza come il servizio Polizia Scientifica, il centro di Ricerca per l’Analisi delle Informazioni Multimediali (CRAIM) e la polizia Postale e delle Comunicazioni. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform