direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Colline del Prosecco: domani la firma dell’atto costitutivo associazione di gestione con l’ambasciatore all’Unesco Massimo Riccardo

VENETO

VENEZIA – Sarà presente anche  Massimo Riccardo, Rappresentante Permanente d’Italia all’UNESCO, alla firma dell’atto costitutivo dell’associazione di gestione  del patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene.

Alla cerimonia, che si terrà domani 22 gennaio a Conegliano presso l’istituto enologico Cerletti (ore 11.30), assieme al Presidente della Regione, Luca Zaia, parteciperanno e firmeranno lo Statuto del nuovo ente, in qualità di soci fondatori, Mario Pozza, numero uno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno e presidente di Unioncamere Veneto, Innocente Nardi, presidente del Consorzio di Tutela del Vino Conegliano Valdobbiadene Prosecco, Stefano Marcon e Stefano Soldan, i sindaci di Castelfranco e di Pieve di Soligo, che rappresentano rispettivamente la Provincia di Treviso e l’Intesa Programmatica d’Area Terre Alte della Marca Trevigiana.

“Con la firma di mercoledì diamo vita all’ente di gestione dell’ottavo sito UNESCO del Veneto, e 55mo sito italiano iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità, e si potrà dunque entrare nel vivo della fase operativa – dichiara il Presidente Zaia -. L’Associazione per il Patrimonio delle Colline sarà aperta a tutti gli stakeholders del territorio, dalle comunità locali passando per le associazioni di categoria e le parti sociali e datoriali della zona, con l’obiettivo comune di progettare un’immagine coordinata di questo nostro paesaggio culturale a marchio UNESCO e realizzare un sistema turistico sostenibile che viva 365 giorni l’anno”.

“Abbiamo una grande occasione: rilanciare in termini turistici le Colline di Conegliano e Valdobbiadene e far entrare a pieno titolo le terre del Prosecco nell’immaginario collettivo delle bellezze mondiali – continua Zaia -. Dobbiamo quindi puntare su turismo sostenibile ed esperienziale, leve capaci di attrarre in queste terre visitatori da tutto il mondo, che potranno così riconoscere il valore universale di un paesaggio culturale e agricolo unico, nato da una straordinaria e sapiente interazione tra un’attività produttiva di eccellenza e la natura di un territorio affascinante”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform