direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Che cosa ci raccontano le immagini dell’emigrazione : domani incontro a Genova con Uliano Lucas e Silvio Brignolo

MIGRAZIONI

Un evento nell’ambito di “Smarginando” per raccontare alcune sezioni della collezione permanente dedicate alla fotografia ed emigrazione del MEI – Museo Nazionale dell’Emigrazione Nazionale

 

GENOVA –  Che cosa ci raccontano le immagini dell’emigrazione? E’ la domanda a cui si proverà a rispondere venerdì 14 ottobre, quando, alle ore 17 nella sala Punto d’Incontro Coop di Via Merano a Sestri Ponente a Genova, si terrà un incontro per raccontare alcune sezioni della collezione permanente dedicate alla fotografia ed emigrazione presenti al MEI – Museo Nazionale dell’Emigrazione Nazionale con Uliano Lucas noto fotoreporter e Silvio Brignolo,  figlio di Gino Brignolo, ex partigiano e videoamatore torinese.

A parlarne con loro, Dario Basile, giornalista e professore all’Università di Torino, Pierangelo Campodonico, Direttore Istituzione Mu.MA e, a moderare il dibattito, il giornalista Andrea Castanini.

Saranno inoltre presenti Tiziana Cattani, direttrice  Soci e Consumatori Coop Liguria e Paola Leoni, Archivio Leoni – Mu.MA.

Smarginando è il Festival che la Fondazione Museo Nazionale dell’Emigrazione Italiana ha ideato per promuovere e accompagnare l’apertura del nuovo Museo. Un  museo è vitale tanto più quanto si radica nella sua e in altre città. Il Museo che  è stato inaugurato la scorsa primavera a Genova, alla Commenda di San Giovanni di Pré, grazie al Festival il MEI,  va oltre i propri confini, cercando di tracciare, attraverso approfondimenti tematici,  una mappa di  emozioni. Un  itinerario  nei diversi luoghi dell’emigrazione italiana, piccoli Comuni e comunità che attorno al tema della memoria e del ricordo, hanno costruito un racconto popolare, storico, sociale, culturale.

Smarginando, andando oltre quelli  che sono i margini per raccontare di storia e storie, oltre i limiti del definito, costruendo una geografia emozionale che  restituisca la storia dell’emigrazione partendo da diversi luoghi e  spazi e  utilizzando diversi  linguaggi: arte, cinema,  fotografia, storia,  letteratura, saggistica,  teatro, musica e sport.

Sebbene la grande migrazione interna in Italia, tra gli anni Cinquanta e Settanta del Novecento, compendi in sé alcune delle più importanti trasformazioni della società, non furono molte le indagini sociali condotte e pubblicate negli anni dell’apice del fenomeno e ancora molto rimane da scrivere. Il compito di raccontare le vicende dei «terroni in città» – come recitava il titolo provocatorio del libro di Francesco Compagna – venne prevalentemente lasciato ai quotidiani, alla televisione e al cinema. È un materiale vasto e interessante che non è stato ancora studiato con attenzione e che può aggiungere importanti dettagli alla storia di quegli anni. È un racconto parallelo, una sorta di controcanto, come i fotoreportage di Uliano Lucas e i filmati del cineamatore Gino Brignolo conservati al MEI. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform