direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Cento nuovi membri nella comunità italiana di Bahia Blanca

ITALIANI ALL’ESTERO

Cerimonia di benvenuto per chi recentemente ha ricevuto il riconoscimento della cittadinanza per discendenza da avo italiano

 

BAHIA BLANCA – La comunità italiana a Bahia Blanca (Argentina) conta da oggi circa cento nuovi membri. E’ quanto è stato ufficializzato nel corso di una cerimonia di benvenuto nei confronti di chi recentemente ha ricevuto il riconoscimento della cittadinanza per discendenza da avo italiano. L’iniziativa è stata organizzata dalla Federazione delle associazioni italiane dell’area (Feisa), dall’associazione calabrese e dal Comites, in collaborazione con il consolato generale d’Italia a Bahia Blanca. La manifestazione, giunta quest’anno alla sesta edizione, è stata concepita per sancire in maniera solenne l’ingresso di nuovi soggetti nella comunità italiana. Nell’occasione, infatti, il console generale Marco Nobili ha consegnato agli interessati un plico contenente la comunicazione di avvenuta definizione della pratica di cittadinanza insieme a una copia della Costituzione.

In base a quanto riporta il sito internet della sede diplomatica, è cittadino italiano per “filiazione” il figlio di genitori (padre o madre) cittadini italiani; tuttavia i figli nati anteriormente al 1 gennaio 1948 sono cittadini solo se nati da padre italiano (perché la donna trasmette la cittadinanza solo a partire da tale data). La trasmissione della cittadinanza “iure sanguinis” (per linea paterna) non prevede limiti di generazione ma non consente “salti”, vale a dire che nessuno degli ascendenti deve avere mai rinunciato alla cittadinanza. Il riconoscimento è subordinato alla dimostrazione, da parte dell’interessato, che i propri ascendenti in linea retta abbiano mantenuto la cittadinanza italiana senza interruzione. Può presentare la documentazione qualsiasi membro del nucleo familiare (padre, madre e figli minori conviventi), esibendo il Documento Nacional de Identidad (Dni) di tutte le persone che lo costituiscono. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform