direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Bulgaria, conseguita la FOC dal NATO Multinational Battle Group

MINISTERO DELLA DIFESA

 

SOFIA – ​Si è conclusa nei giorni scorsi l’esercitazione “Strike Back” che ha segnato il conseguimento della FOC, Full operational capability del Multinational Battle Group Bulgaria, a guida italiana su base 82° reggimento di fanteria Torino della Brigata Pinerolo dell’Esercito Italiano, attualmente impegnato sul fianco sud est dell’Alleanza per rafforzare la postura difensiva di presenza e deterrenza della NATO. Presenti all’evento il Comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, insieme al Comandante NATO della Multinational Division South East e alle più alte cariche militari bulgare. Nel suo discorso il Generale Figliuolo, rivolgendosi al personale italiano schierato, si è congratulato per come hanno “sempre tenuto alta la nostra bandiera, adempiendo con lealtà, onore e professionalità alla missione che ha portato al raggiungimento di questo importante traguardo”. Sempre parlando agli uomini e donne del contingente, il comandante del COVI ha altresì evidenziato come “in piena sinergia con i nostri alleati e partner, avete svolto un’azione fondamentale nel garantire la sicurezza del fianco Est della NATO”. L’esercitazione “Strike Back” è consistita in un’attività tattica difensiva volta a testare le procedure operative e a incrementare l’interoperabilità tra gli Eserciti alleati. Dal 17 ottobre scorso l’Italia ha assunto il ruolo di nazione guida del Battle Group della NATO schierato in Bulgaria, uno dei 4 neo costituiti nell’ambito dell’iniziativa Enhanced Vigilance Activity volta a incrementare la capacità di deterrenza dell’Alleanza lungo il fianco est europeo, che si aggiungono agli altri già operativi nei Paesi Baltici. Il Battle Group a guida italiana conta 740 tra donne e uomini dell’Esercito cui si aggiungono i contributi forniti da USA, Bulgaria, Albania, Grecia, Montenegro, Macedonia. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform