direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Bellunesi nel mondo”, uscito il numero di ottobre

ASSOCIAZIONI

Rivista edita dall’omonima associazione

 

 

BELLUNO – Una famiglia di emigranti è intenta ad osservare il panorama della città di Belluno. Questa è l’immagine, presente sulla copertina del numero di ottobre della rivista “Bellunesi nel mondo”, accompagnata dal titolo “Belluno sede del Distretto Triveneto del MEI”.

E proprio l’editoriale, a firma del direttore responsabile Dino Bridda, si concentra su questa volontà di portare nel capoluogo bellunese questo importante Distretto dell’emigrazione Triveneta: “Se arriveremo alla meta, e l’Abm sarà ritenuta soggetto valido per ospitare tale area museale, si aprirà la farse progettuale nelle sue implicazioni tecniche ed economico-finanziarie ivi compresa una sede idonea nella città di Belluno”.

La rubrica dedicata al socialnetwork Bellunoradici.net porta ai lettori la vita e il vissuto di Mattia Dal Borgo, da anni residente nel Regno Unito, e di Giacomo Andrich, giovane studente universitario da pochi mesi tirocinante a Parigi presso lo studio di Renzo Piano.

In primo piano si trovano fatti di estrema attualità come l’esito del referendum svizzero sui transfrontalieri e la convocazione degli Stati Generali a Belluno.

Sempre in questo numero di “Bellunesi nel mondo” si parla di Canone Rai, della posta consegnata a giorni alterni, delle seimila frane censite nel bellunese, del disastro del Vajont e di un continente “mobile” come l’Europa.

La parte storica è riservata invece all’eccidio di Aigues-Mortes dove ci futuro diversi italiani vittime innocenti della violenza xenofoba.

Non poteva mancare uno speciale dedicato al 50.mo anniversario delle Famiglie Bellunesi in Svizzera e, per quanto riguarda la provincia di Belluno, è stato dato spazio al nuovo museo sulla figura di Papa Luciani inaugurato il mese scorso a Canale d’Agordo.

E’ stata inoltre data voce all’assessore regionale Elisa Berti (Lavori pubblici, infrastrutture, trasporti) la quale ha dichiarato che: “Ho acquisito la certezza che la richiesta della Regione di inserire nel piano di elettrificazione delle linee ferroviarie venete, il cosiddetto “anello basso” del bellunese, è stata accolta”.

Come sempre ricche di attività e programmi le pagine delle Famiglie Bellunesi dell’estero e d’Italia, comprese le venti ex emigranti presenti nel territorio bellunese.(Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform