direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Bach is in the Air”. Ramin Bahrami e Danilo Rea in concerto

MUSICA

Il 13 settembre all’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo

TOKYO – Il progetto “Bach is in the Air” nasce dalla coraggiosa scommessa di due pianisti di diversa estrazione e cultura, uno classico e l’altro jazz, che decidono di protendersi l’uno verso l’altro, come in dialogo su un ponte sospeso, in equilibrio sul filo delle melodie del compositore barocco.

Superando l’artificiale opposizione, nata in Europa nell’Ottocento, tra musica scritta e musica “improvvisata”, Ramin Bahrami e Danilo Rea proiettano l’opera di uno dei massimi musicisti di tutti i tempi in una dimensione nuova, fatta di dialogo attraverso le epoche e le culture, che ne riafferma la modernità e l’universalità.

Il concerto è in programma a Tokyo, presso l’Istituto Italiano di Cultura, Auditorium “Umberto Agnelli”, giovedì 13 settembre alle ore 18,30, in collaborazione con New Age Productions/Suoni Italiani . Ingresso libero.

Ramin Bahrami – Nato a Teheran nel 1976 e diplomato al Conservatorio di Milano, Ramin Bahrami è considerato uno tra i più importanti interpreti bachiani viventi. In particolare, ha riscosso grande successo di pubblico e di critica la sua esecuzione dei Concerti di J. S. Bach a Lipsia nel 2009 con la Gewandhausorchester diretta da Riccardo Chailly (Decca 2010). Le influenze tedesche, russe, turche e persiane che ha assorbito dall’infanzia gli permettono di accostarsi alla musica di Bach esaltando il senso di universalità che la caratterizza. Si è esibito in importanti festival pianistici internazionali e in prestigiosi teatri italiani quali La Scala di Milano, la Fenice di Venezia e l’Accademia di Santa Cecilia a Roma. Incide per la casa discografica Decca. È anche autore di tre libri di divulgazione musicale, che hanno riscosso in Italia grande successo di pubblico.

Danilo Rea – Danilo Rea si è diplomato in pianoforte con il massimo dei voti al Conservatorio di Santa Cecilia, dove attualmente insegna nella cattedra di jazz. Studi classici, rock e pop influenzano la sua formazione e convergono attraverso il jazz, la sua vera passione, in uno stile inconfondibile. In ambito pop collabora con alcuni dei maggiori cantanti italiani, e allo stesso tempo suona con grandi nomi del jazz come Chet Baker, Lee Konitz, Phil Woods, Michael Brecker, Gato Barbieri e Brad Mehldau. Nel 1997, con il bassista Enzo Pietropaoli e il batterista Fabrizio Sferra fonda il trio Doctor 3, che per tre anni riceve il premio della critica italiana come miglior gruppo jazz. A partire dal 2000 Danilo Rea si concentra sul piano solo nel quale fa confluire diverse fonti di ispirazione, dai classici del jazz alle canzoni e alle arie d’opera. Tra i suoi numerosi dischi ricordiamo Lost in Europe (2000), suo primo album per piano solo, e Something in Our Way (2015), ispirato al repertorio dei Beatles e dei Rolling Stones. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform