direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Audizione del ministro Teresa Bellanova alla Commissione Agricoltura della Camera sulle priorità di utilizzo del Recovery Fund

POLITICHE AGRICOLE

“Le parole chiave della nostra strategia sono rigenerazione, visione, coraggio scommessa.  L’occasione non può essere sprecata”

ROMA – Nel corso di un’audizione in Commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati, il ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova ha indicato le priorità di utilizzo del Recovery Fund per la “rigenerazione del sistema agricolo e alimentare nel nostro paese”. “Competitività del sistema alimentare; produzione energetica da fonti rinnovabili e al tempo stesso riduzione delle emissioni e miglioramento della sostenibilità dei processi produttivi; miglioramento della capacità di adattamento ai cambiamenti climatici e prevenzione del dissesto idrogeologico”: questi i tre “grandi macro-obiettivi” della visione strategica del settore richiamati da Bellanova, che ha anche sottolineato che “l’occasione del Recovery non può essere sprecata”.

“Più e più volte in questi mesi – ha detto Bellanova, – ho parlato di Filiera della vita, rimarcando l’enorme contributo garantito da questo straordinario segmento al Paese nei mesi della pandemia e sottolineando la evidente coincidenza tra strategicità del settore e interesse nazionale. In termini produttivi ed economici, e in termini di sovranità, qualità e sicurezza alimentare, garanzia degli approvvigionamenti, diritto al cibo, e al cibo di qualità, per tutti, tutela e salvaguardia del territorio, del paesaggio, di risorse naturali preziosissime non rinnovabili come suolo, acqua, aria. La Strategia nazionale per il Sistema Agricolo, Agroalimentare, Forestale, della Pesca e dell’acquacoltura coglie per l’esattezza questi snodi e li dispiega – ha sottolineato il Ministro, rilevando come essa sia ancorata a “tre parole chiave: visione, coraggio, scommessa, indicando una vera e propria policy per garantire al sistema agroalimentare nazionale quelle leve che lo possano sostenere nel riposizionamento evidenziando una semplice verità: futuro verde e agricoltura sono strettamente interconnessi”.

“Abbiamo elaborato – ha proseguito Bellanova, – un parco progetti per un ammontare di circa 17 miliardi di euro. Altre proposte sono invece confluite nelle schede progettuali di cui sono capofila altri Ministeri, come quello sulla banda larga nelle aree rurali, capofila Mise, quello sul recupero dei borghi rurali, capofila Mibact, quello sulla digitalizzazione della pubblica amministrazione e dei servizi ai cittadini, capofila Ministero dell’innovazione, quello sui progetti di osservazione della terra, Capofila Presidenza del Consiglio”. “Una trasversalità e una connessione non casuali – ha concluso Bellanova – perché l’interconnessione tra i quadri di conoscenza e tra i relativi programmi è condizione essenziale della bontà e realizzabilità del Piano più complessivamente intenso”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform