direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Associazione Bellunesi nel Mondo, la Famiglia ex emigranti del Comelico-Sappada in festa per i suo 15 anni di attività

ASSOCIAZIONI

 

 

BELLUNO – Era il mese di luglio del 2002, in occasione dell’Assemblea generale dell’Associazione Bellunesi nel Mondo presso il cinema Piave di Santo Stefano di Cadore, che si costituì la Famiglia Ex emigranti del Comelico e di Sappada. Quindici anni ricchi di impegno e attività. Domenica 14 gennaio, a Santo Stefano, si è voluto festeggiare questo importante traguardo.

Il presidente Antonio Martini ha voluto ricordare quanto fatto dal sodalizio da lui presieduto: “Nel 2004 abbiamo ottenuto la nostra sede in una stanza sopra il bar Piave di Santo Stefano di Cadore – ha sottolineato Martini – impreziosita da un’opera di Olga River Piller”. Il 30 settembre 2006, sempre a Santo Stefano, è stato inaugurato il monumento all’emigrante, ad opera del compianto Franco Fiabane. In tutti questi anni, inoltre, sono state consegnate 150 benemerenze per chi aveva lavorato all’estero da oltre 30 e 50 anni.

Da sempre la Famiglia Ex emigranti del Comelico e Sappada ha accompagnato l’emigrante anche nel suo ultimo viaggio. “Con il nostro gagliardetto abbiamo presenziato a oltre 170 funerali – il pensiero commosso del presidente Martini –  e non è mai mancata la lettura della preghiera dell’emigrante”.

La scelta del 14 gennaio per festeggiare questo importante anniversario è stata fatta anche per la presenza della Giornata Mondiale del Rifugiato e del Migrante. Erano presenti il presidente Abm Oscar De Bona e la Famiglia Ex emigranti di Ponte nelle Alpi con Arturo Soligo. Lo stesso De Bona ha voluto ringraziare Martini e la Famiglia per quanto fatto: “Vivete distanti dal capoluogo bellunese, ma fate sentire forte la vostra bellunesità. Siete un esempio per tutti noi. Il vostro lavoro all’estero, soprattutto per la riparazione e realizzazione dei tetti delle chiese, è un orgoglio per tutto Bellunese”.

Dopo la Santa Messa, celebrata da don Paolino Rossini, i soci della Famiglia e i simpatizzanti si sono ritrovati al bar Piave per un rinfresco in compagnia. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform