direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Angela Schirò (Pd):Niente tasse agevolate al 7% ai pensionati di sola pensione Inps che rientrano al Sud

ELETTI CIRCOSCRIZIONE ESTERO

 

 

(foto di repertorio)

ROMA – “I titolari di sola pensione Inps residenti all’estero i quali intendono trasferire la propria residenza fiscale nel Mezzogiorno d’Italia non hanno diritto al regime fiscale agevolato (imposta sostitutiva) del 7%. E’ la risposta (n. 170-2021) che – segnala la deputata Angela Schirò (Pd, circoscrizione Estero-ripartizione Europa) – l’Agenzia delle Entrate ha dato all’interpello di un connazionale residente all’estero il quale chiedeva che gli fosse applicato il regime agevolativo sulla pensione italiana in caso di rientro in Italia”. “Infatti- spiega Schirò che ritiene la norma penalizzante per i pensionati Inps residenti all’estero che rientrano al sud del nostro Paese  – , in virtù della normativa in vigore introdotta nel 2019, per avere accesso allo sconto fiscale è necessaria la titolarità, da parte delle persone interessate a trasferire la residenza in Italia, di redditi da pensione erogata da soggetti esteri”.

“L’agevolazione fiscale, come è noto – prosegue la deputata – , si applica alle persone fisiche che trasferiscono la propria residenza fiscale nei comuni del Mezzogiorno con popolazione inferiore ai 20.000 abitanti o in uno dei Comuni con popolazione non superiore a 3.000 abitanti, rientranti nelle zone colpite dal sisma del 24 agosto 2016, del 26 e 30 ottobre 2016 e del 18 gennaio 2017.

Tali soggetti possono optare per l’assoggettamento dei redditi di qualunque categoria, prodotti all’estero ad un’imposta sostitutiva, con aliquota del 7 per cento, da applicarsi per ciascuno dei periodi di validità dell’opzione (complessivamente 10 anni).

L’opzione per il regime fiscale agevolato al 7% può essere esercitata dalle persone che non siano state fiscalmente residenti in Italia nei cinque periodi di imposta precedenti a quello in cui l’opzione diviene efficace e trasferiscono la residenza da Paesi con i quali sono in vigore accordi di cooperazione amministrativa; essa è valida per i primi nove periodi d’imposta successivi al periodo di imposta in cui avviene il trasferimento della residenza fiscale.

Si tratta come sembra ovvio di un beneficio fiscale molto interessante che è stato concepito dal legislatore per favorire – tramite l’incentivo fiscale al rientro –  gli investimenti, i consumi ed il radicamento, tra l’altro, in alcuni comuni del Mezzogiorno con determinate caratteristiche demografiche. Infatti l’opzione per il regime agevolativo consente al contribuente di assoggettare a imposizione sostitutiva del solo 7%, i redditi, di qualunque categoria, prodotti all’estero, individuati ai sensi dell’articolo 165, comma 2, del TUIR. Ma come ha ora nuovamente specificato l’Agenzia delle Entrate resta però escluso dalla possibilità di applicare l’imposta sostitutiva del 7% il pensionato di sola pensione INPS (che rientra o intende rientrare), in quanto i redditi da pensione percepiti sono di sola fonte italiana, e restano assoggettati ai principi ordinari di tassazione previsti per i soggetti residenti”, conclude l’on. Angela Schirò . (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform