direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Anci ed Acli insieme contro la povertà

ASSOCIAZIONI
Anci ed Acli insieme contro la povertà
Impegno ribadito da Bottalico e Luzi che hanno incontrato Variati, responsabile welfare Anci e sindaco di Vicenza
VICENZA – Il 21 ottobre si è svolto l’incontro tra il presidente nazionale delle Acli Gianni Bottalico ed il sindaco della città berica Achille Variati, che recentemente è entrato a far parte dell’Ufficio di presidenza dell’Anci nazionale con deleghe al welfare. L’incontro è avvenuto in municipio a palazzo Trissino. Bottalico era accompagnato dal vicentino Andrea Luzi, responsabile nazionale Acli al Welfare e Reti di imprese.
“ll nostro paese sta risentendo notevolmente della crisi – ha dichiarato il sindaco Achille Variati -: l’8% degli italiani si trovano ad un livello di povertà assoluta, sotto la soglia del minimo vitale e questo colpisce non solo le regioni del sud ma anche le nostre zone. Solo sei sette anni fa la percentuale era del 4%, con un raddoppio quindi in poco tempo. I comuni in questi ultimi anni hanno subito molti tagli e per questo il tema della povertà è molto sentito tanto che sarà uno dei temi del congresso Anci di Firenze dove farò un intervento dedicato proprio a questo tema. Con il governo è iniziata una fase concertativa: il viceministro alla famiglia si è dimostrata molto sensibile e con lei speriamo di fare passi importanti visto che serviranno non meno di 7-8 miliardi per garantire la dignità a tutti, diritto universale.”
“Insieme ad Anci e ad altre istituzioni abbiamo cercato di costruire un’alleanza contro la povertà – ha dichiarato il presidente nazionale Acli Gianni Bottalico –; insieme anche a sindacati, Lega autonomie, conferenza Stato Regione, cooperative, mondo dell’impresa della cooperazione e dell’associazionismo. Ci sono quasi 7 milioni di persone in condizione di povertà assoluta in Italia. Viviamo in un paese che, unico in Europa insieme alla Grecia, non ha alcuna politica di sostegno al reddito. L’obiettivo è quello di sensibilizzare il Governo verso una scelta strategica. Il modello che noi proponiamo comporta aiuti in termini economici e in termini di servizi perché la nostra proposta vuole far uscire le persone dalla povertà coinvolgendo gli enti locali in modo particolare. Anci, quindi, è per noi è un soggetto fondamentale per sviluppare un nuovo modello di welfare.” (Inform)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform