direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ambasciatori dell’Unione Europea visitano UNIFIL

MISSIONI MILITARI

Il Generale Stefano Del Col riceve presso il quartier generale di Naqoura una delegazione di 15 funzionari diplomatici dell’Unione Europea in Libano

NAQOURA (Libano) – Una delegazione di 15 membri, composta da ambasciatori e funzionari diplomatici dell’Unione Europea in Libano, ha visitato nei giorni scorsi  il Quartier Generale di UNIFIL e parte dell’area di operazioni, in particolare la Blue Line.

L’Head of Mission e Force Commander di UNIFIL, il Generale di Divisione Stefano Del Col, ha ricevuto a Naqoura la delegazione, guidata dalla dottoressa Julia Koch De Biolley, vice capo missione dell’UE in Libano, accompagnata dagli ambasciatori e rappresentanti di Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Grecia, Ungheria, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Slovacchia e Spagna.

Nel corso della visita il Generale Del Col ha presentato un briefing, durante il quale ha illustrato alla delegazione le operazioni svolte dalla missione UNIFIL e in coordinamento con le forze armate libanesi (LAF).

Successivamente la delegazione è stata accompagnata in un tour lungo la Blue Line, nei pressi del villaggio libanese di Ramyah, nel settore ovest a guida italiana.

Nelle sue osservazioni il Generale Del Col ha elogiato i rappresentanti dell’UE per il sostegno che continuano a garantire per la missione, evidenziando che la stessa visita dimostra l’importanza che l’UE attribuisce all’operato di UNIFIL nel Libano meridionale. I vostri peacekeeper svolgono un ruolo determinante nell’assolvimento del mandato. Contribuiscono sensibilmente a ridurre le tensioni nell’area di operazioni ed a mantenere la stabilità lungo la Blue Line.

Da parte sua il capo delegazione, la dottoresa De Biolley, ha affermato che l’UE e i suoi Stati membri riconoscono il “”ruolo unico e importante”” di UNIFIL nel garantire la sicurezza e la stabilità del Libano – “Oggi la nostra visita congiunta nel sud del Libano è una manifestazione del costante impegno dell’UE e dei suoi Stati membri nei confronti di UNIFIL e delle autorità libanesi nel garantire la pace, la sicurezza e la stabilità del Paese”.

Ha poi aggiunto –  “Continueremo a sostenere UNIFIL nel suo operato. Lavorare fianco a fianco con le LAF è cruciale per mantenere la stabilità nel Libano meridionale e lungo le coste libanesi”.

L’UE contribuisce in modo significativo alla missione UNIFIL e all’assolvimento del mandato sancito dalla risoluzione 1701 del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Dei 27 Stati membri europei, 16 partecipano in UNIFIL con unità terrestri e navi, costituendo oltre il 30% dei 10.000 peacekeeper della missione.

Con il loro operato a supporto di UNIFIL, i contingenti dei Paesi dell’UE hanno investito importanti risorse per contribuire allo sviluppo delle comunità locali. Questo impegno oggi è considerato un fattore stabilizzante per l’area e recentemente è stato dimostrato con il sostegno alle comunità locali nella lotta collettiva contro la pandemia del COVID-19.

Inoltre, gli Stati membri dell’UE hanno destinato importanti risorse non solo a tutela dei cittadini libanesi ma anche nel potenziamento delle capacità delle LAF e della loro componente navale. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform