direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ambasciata d’Italia in Israele: Maeci, il secondo volume “Guida alle radici Italiane. Un viaggio sulle tracce dei tuoi antenati” . In programmazione iniziative di promozione del turismo delle radici

RETE DIPLOMATICA

 

 

TEL AVIV  – L’Ambasciata d’Italia in Tel Aviv segnala l’avvenuta pubblicazione del secondo volume della “Guida alle radici Italiane. Un viaggio sulle tracce dei tuoi antenati” e la programmazione di una serie di iniziative di promozione del turismo delle radici.

Il secondo volume della collana “Guida alle Radici Italiane. Un viaggio sulle tracce dei tuoi antenati” si inserisce in progetto finanziato dalla Direzione Generale per gli Italiani all’Estero del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dedicato alla riscoperta delle tradizioni storiche, culturali, sociali ed enogastronomiche delle Regioni italiane e rivolto agli italo-discendenti nel mondo.

La seconda edizione della Guida, che prosegue il viaggio alla ricerca delle radici italiane in Calabria, Lombardia, Molise e Sicilia, è stata presentata lo scorso 14 luglio ed è disponibile in versioni digitale nelle tre lingue (inglese, spagnolo e portoghese), al seguente link: Presentazione del secondo volume della Guida alle Radici Italiane, Vol. II.

La platea dei potenziali lettori della collana è rappresentata dai nostri connazionali residenti all’estero (oltre 6,3 milioni) e soprattutto dagli italo-discendenti nel mondo, stimati essere circa 80 milioni.

Il “Turismo delle Radici” rappresenta un segmento turistico dalle grandi potenzialità, che può rilanciare i piccoli borghi, quali mete di accoglienza e riscoperta, attraverso percorsi “emozionali” ricchi di ricordi, di gusti, di paesaggi, di attività rurali ed artigianali. Secondo i dati forniti da ENIT, nel 2019 i “turisti delle radici” sono stati complessivamente 10,4 milioni, con un indotto di circa 5 miliardi di euro.

Anche alla luce dell’inserimento del “Turismo delle Radici” nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), il MAECI sta programmando una strategia di medio e lungo periodo, che mira in particolare a sensibilizzare e formare le realtà locali, coinvolgendo sia le comunità in Italia che quelle all’estero, per preparare un’offerta ad hoc (strutture ricettive, così come consultazione dei documenti negli uffici dell’anagrafe, negli uffici comunali, nelle parrocchie) e creare degli itinerari standard.

Tra le varie iniziative figurano inoltre l’ideazione di un “passaporto delle radici italiane”, che dia diritto ad agevolazioni e sconti ai turisti stranieri in Italia; la promozione di vacanze lavoro per giovani desiderosi di fare un’esperienza lavorativa in una PMI italiana; la realizzazione di una campagna di comunicazione con testimonial famosi all’estero; la promozione del 2023 come “Anno delle Radici Italiane”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform