direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Alto nel Ciel”, la lirica d’Argentina al Festival Illica

APPUNTAMENTI MUSICALI

Domani a Castell’Arquato concerto del soprano Ilaria Freppoli, tra arie d’opera, musica e tango

 

 

CASTELL’ARQUATO (Piacenza) – Il 31 luglio , alle 20.45, nei giardini dell’Hospitale di Santo Spirito di Castell’Arquato il concerto gratuito “Alto nel Ciel” con la voce del soprano Ilaria Freppoli accompagnata dal pianista Claudio Cirelli, tra arie d’opera, musica e tango.

La seconda serata del Festival Illica  – che si svolge a Castell’Arquato dal 27 luglio al 4 agosto  omaggio al librettista e drammaturgo Luigi Illica nel suo borgo natio – conduce gli spettatori nelle atmosfere d’Argentina. Il concerto di domani si intitola, infatti, “Alto nel Ciel”, nome dell’aria tratta dall’opera “Aurora” scritta dal compositore italo-argentino e direttore d’orchestra Héctor Panizza sul libretto di Luigi Illica, autore dei testi della Tosca, la Madama Butterfly e La Bohème di Puccini, e di altre opere importanti. “Alto nel Ciel” fa parte di un’opera patriottica, ambientata durante la guerra d’indipendenza dell’Argentina dalla Spagna nei primi anni dell’Ottocento, ed oggi è l’inno dello Stato argentino. Gli  interpreti  saranno la giovane soprano arquatese Ilaria Freppoli e il tenore Alessandro Fantoni accompagnata dal pianista Claudio Cirelli, tra arie d’opera, musica e tango. Gli artisti proporranno anche altri brani di Héctor Panizza e Luigi Illica, come “Ave Maria, In mia segreta camera” tratto da “Medio Evo Latino”, ma anche estratti pucciniani da Tosca e Bohème, e la serenata argentina per pianoforte “La Cumparsita” di Gerardo Matos Rodriguez. Alle ore 18.30 l’inaugurazione di una targa ricordo all’opera di Illica in Argentina nel Museo Illica, con il saluto alla bandiera argentina e l’esecuzione dell’aria Alta en el Ciel del compositore Panizza nella versione argentina, i saluti istituzionali del Sindaco Ivano Rocchetta e il console denerale della Repubblica Argentina a Milano, Cristian Rawson Dellepiane, a cui seguirà il ricordo del maestro Luigi Illica da parte del professore Sabatino Alfonso Annecchiarico, corrispondente in Italia dell’Accademia Porteña del Lunfardo di Buenos Aires.  Alle 20.45 nei giardini dell’Hospitale di Santo Spirito, dove ci sarà il concerto.  Durante tutti gli eventi del Festival Illica – il 2 agosto va in scena il lavoro di Vivien Hewitt, “L’anima ho milionaria”, il 4 agosto il grande concerto di gala “Da Tosca al Tango” – il museo dedicato a Luigi Illica resterà aperto fino all’inizio degli spettacoli.(Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform