direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

All’IIC di Buenos Aires la mostra “La forza degli affetti” che include le fotografie dell’italiana Daria Addabbo

EVENTI

Nell’ambito del Festival de la Luz 2018, manifestazione che promuove la fotografia argentina e l’incontro con artisti locali e internazionali, il percorso “Profondo familiare” di Daria Addabbo

BUENOS AIRES – L’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires sarà uno degli spazi del Festival de la Luz 2018, manifestazione che promuove la fotografia argentina generando un contatto tra fotografi e gli artisti locali e internazionali.

La Sala Roma dell’IIC ospiterà per l’occasione da venerdì 27 luglio la mostra “La forza degli affetti” composta dai lavori di quattro differenti artiste: Daria Addabbo, in rappresentanza dell’Italia al Festival, con le opere che compongono il suo lavoro “Profondo familiare”; Ioana Menendez (“Il filo invisibile”), Silvina Caserta (“Le storie di Benicio e Greta”) e Graciela Villanueva (“Des-cubro).

Daria Addabbo presenterà la sue creazioni venerdì 27 luglio alle ore 19. Il suo progetto fotografico, “Profondo familiare”, indaga e racconta sottovoce una geografia degli affetti in cui lo spazio intimo è attraversato da flussi e da persone, si trasforma nel tempo, evolve dando a ognuno la possibilità di affermare la propria individualità. Famiglie allargate, in cui il legame di sangue non basta più a definire il campo familiare, o costituite unicamente da una coppia, da due persone che, senza necessariamente riprodursi, costruiscono, inventano e reinventano la famiglia. O ancora una persona sola che, nel ventre del prezioso spazio domestico, saluta familiari nell’atto di partire o ne attende altri che arriveranno.

Il percorso muove dall’assunto che in un mondo frammentato e caotico come quello contemporaneo, in cui l’individuo è bombardato da messaggi dominati dalla brutalità e dalla volgarità, la famiglia diventa più che mai un rifugio, una fonte di calore e di protezione.

Daria Addabbo è nata nel 1979 a Roma, dove attualmente vive e lavora. Dopo aver seguito gli studi presso la Facoltà di Lettere, si trasferisce a Buenos Aires, in Argentina, dove frequenta un corso di fotogiornalismo presso la scuola EAF di Elda Harrington, organizzatrice del “Festival de la luz” di Buenos Aires. Il suo lavoro fotografico inizia nel 2011, dedicandosi con molto interesse a diverse questioni sociali italiane. Ha pubblicato sulle riviste Espresso, Panorama, Vanity Fair, Psychologies, Gioia, Grazia, Donna Moderna, GQ, Tu Style. A novembre 2011, un suo lavoro dedicato alle donne, “Io non sono lei”, è stato esposto in occasione del festival “FoianoFotografia”. A febbraio 2014 viene selezionato il suo lavoro “Profondo familiare”, per essere proiettato ad agosto 2014, all’interno del Festival de la Luz-Encuentros abiertos in Argentina. A settembre 2014 pubblica il medesimo lavoro in Argentina, su La Nación Revista.

L’ingresso alla mostra è libero. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform