direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

All’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede “Il cammino della Comunità. Impresa, cultura e territorio: la lezione di Adriano Olivetti”

RETE DIPLOMATICA

 

ROMA – In collaborazione con la Fondazione Adriano Olivetti, si è tenuto a Palazzo Borromeo , Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede, l’evento “Il cammino della Comunità. Impresa, cultura e territorio: la lezione di Adriano Olivetti”.

Si è trattato del secondo appuntamento con la Fondazione, che quest’anno celebra i 60 anni dalla sua costituzione. Dopo i saluti introduttivi dell’Ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede, Francesco Di Nitto, e della Presidente della Fondazione Adriano Olivetti, Cinthia Bianconi, sono intervenuti: Beniamino de’ Liguori Carino, Segretario Generale della Fondazione; Avv. Costanza Casali, Assessore alla Cultura del Comune di Ivrea; Prof. Giuseppe Lupo, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Le conclusioni sono state pronunciate da S.E.R. Mons. Luigi Renna, Arcivescovo di Catania, Presidente Commissione Episcopale CEI per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace. Il dibattito è stato moderato da Alessandra Ferraro, Capo Redattrice TGR RAI Valle d’Aosta.

Nei loro interventi, la Presidente Bianconi e il Segretario Generale della Fondazione de’ Liguori Carino hanno ricordato come il riconoscimento UNESCO di Ivrea Città Industriale del XX secolo e quello nazionale di Ivrea Capitale Italiana del Libro 2022 abbiano contribuito a ravvivare la memoria di una storia, quella olivettiana, di elevazione non solo economico-sociale, ma anche culturale e spirituale. Il Prof. Lupo ha invece delineato il concetto di modernità industriale secondo Olivetti: egli si interrogava su come l’azienda potesse “agire come volano di sviluppo in un contesto antropologico”. L’Assessore alla Cultura del Comune di Ivrea, Avv. Casali, ha approfondito il tema della candidatura di Ivrea Capitale Italiana del Libro 2022 sottolineando il carattere partecipato del dossier (il cui oggetto simbolo e filo conduttore è proprio la macchina per scrivere di Olivetti Lettera 22), mentre, in conclusione, S.E.R. Mons. Renna ha fatto riferimento al discorso di Papa Francesco all’Assemblea pubblica di Confindustria dello scorso 12 settembre, durante la quale ha indicato agli imprenditori la virtù della condivisione, che si concretizza nella filantropia, nella contribuzione fiscale, nella creazione di posti di lavoro e nella impostazione di una impresa secondo criteri personalistici e comunitari, citando proprio Adriano Olivetti. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform