direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Alla National Gallery of Art di Washington le opere degli scultori Della Robbia e di artisti loro contemporanei

MOSTRE

Sino al 4 giugno un allestimento con molte opere proviene da collezioni private americane, organizzato con il supporto dell’Ambasciata d’Italia

 

WASHINGTON – Sino al 4 giugno 2017 sarà possibile visitare alla National Gallery of Art di Washington la mostra che celebra tre generazioni della famiglia italiana di scultori Della Robbia e di artisti loro contemporanei.

Luca della Robbia (1399/1400-1482) ha condotto una ricerca artistica continua profusa nei materiali, oltre ai tradizionali marmo e bronzo, che lo ha portato a inventare una nuova tecnica che ha permesso alle sue opere di sopravvivere attraverso i secoli completamente indenni. Si tratta della smaltatura della terracotta, grazie alla quale un materiale “povero” come la terracotta può dar vita a opere di colore brillante e durevole nel tempo.

“In quanto italiano sono fiero del fatto che venga dedicata una mostra alle opere di Della Robbia e dei suoi contemporanei – ha affermato l’ambasciatore d’Italia a Washington, Armando Varricchio, rilevando come essa contribuisca a mostrare al pubblico americano quanto “ingegnosità, creatività e capacità di innovare” siano “caratteristiche di questi artisti che riflettono perfettamente alcune delle qualità distintive degli italiani”.

Gli appassionati d’arte del Rinascimento in visita in Italia dall’America hanno sempre avuto un debole per le opere di Della Robbia e ne hanno acquistate parecchie negli anni. Per questa ragione la maggior parte delle opere esposte alla mostra proviene da collezioni private americane. Da segnalare La Visitazione, solitamente esposta nella chiesa di San Giovanni Fuorcivitas a Pistoia. Quest’opera, insieme a tre sculture provenienti dal Museo Nazionale del Bargello, e a un’altra proveniente dall’Oratorio di San Tommaso d’Aquino, è visibile per la prima volta al di fuori dei confini italiani. La mostra è stata organizzata dal Museum of Fine Arts di Boston in associazione con la National Gallery of Art di Washington e con il supporto dell’Ambasciata d’Italia a Washington DC. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform