direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Alla Farnesina il Ministro Tajani fa il punto sulle priorità della politica estera italiana, si è parlato della Conferenza degli ambasciatori, del Mediterraneo, dei Balcani e del made in Italy

FARNESINA

“Scriverò a tutti i comuni, specie quelli più piccoli, per illustrare il progetto del Turismo delle radici ”

ROMA – Si è svolta alla Farnesina la conferenza stampa del Vice Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Antonio Tajani, sul tema “la priorità di politica estera dell’Italia”.

L’onorevole Tajani ha in primo luogo parlato della Conferenza degli ambasciatori italiani che si aprirà tra pochi giorni alla Farnesina. “Saranno due giorni intensi di lavoro, non sarà una passerella. Saranno giorni di confronto e dibattito per fare il punto della situazione e preparare il lavoro futuro. Ci saranno tante sessioni. Purtroppo il presidente della Repubblica non potrà esserci perché ancora positivo al Covid, quindi toccherà a me e al segretario generale aprire questi due giorni. Il primo intervento sarà quello del presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola, che farà un discorso sulla democrazia in Europa. La giornata di giovedì sarà anche dedicata al ricordo dell’ambasciatore Attanasio e del carabiniere Iacovacci che insieme loro autista sono rimaste  vittima di un attentato ”. In loro memoria sarà dedicata rispettivamente, all’ambasciatore la scalinata di fianco alla Farnesina, al carabiniere una sala operativa dell’unità di crisi.

“Nel corso della Conferenza – ha proseguito Tajani- affronteremo poi le grandi questioni di attualità puntando sulle nostre priorità di politica estera.  La nostra politica verso l’estero nei prossimi mesi sarà concentrata molto sul Mediterraneo e sui paesi del nord dell’Africa per la questione dell’immigrazione. Affronteremo la questione libica, tutti i partenariati con in paesi del nord dell’Africa, ma anche con l’intero continente africano perché siamo convinti che l’intera questione migratoria si risolva lì e con una politica estera che sia applicazione di quello che il Presidente del consiglio chiamava il piano Mattei e che a livello europeo dovrebbe essere una sorta di piano Marshall che aggiunga all’azione dell’Italia altri interventi economici”. Il Ministro ha anche sottolineato la necessità di un’azione congiunta che risolva varie problematiche all’origine del fenomeno migratorio: cambiamento climatico, povertà, guerra e terrorismo.

“Naturalmente dovremo continuare a lavorare nell’area medio-orientale” ha proseguito il Ministro , ribadendo la posizione sulla questione di Israele: “due popoli, due stati”.  Un altro punto toccato da Tajani è quello della “tutela delle minoranze cristiane nel mondo” su cui si è ipotizzato l’invio di un inviato speciale sul modello di quello europeo.

Per il Ministro anche la questione dei Balcani è tra le priorità, per “una valenza che riguarda la questione migratoria; questo è l’altro corridoio che insieme a quello mediterraneo ci preoccupa, perché dobbiamo occuparci anche della nostra costiera orientale. Per questo lavoriamo per la stabilità della regione”. Il Ministro ha anche ricordato la posizione favorevole del governo italiano  all’assegnazione alla Bosnia-Erzegovina dello status di paese candidato ad entrare nell’Unione Europea e ha espresso la volontà che l’ingresso di questi paesi nell’UE sia accelerato.

“Nei Balcani – ha aggiunto Tajani – siamo già stati con il Ministro Crosetto per favorire un accordo tra Serbia e Kosovo e sono personalmente in contatto con il presidente Vucic e il primo ministro Kurti per far sentire la presenza italiana” ed avere un ruolo da protagonisti nella vicenda.

Un altro punto affrontato dal Ministro è quello dell’importanza delle esportazioni. “Ho parlato con il Ministro Urso per favorire l’internazionalizzazione delle nostre imprese. L’export è fondamentale. Si tratta di uno strumento utile anche alla riduzione del nostro debito pubblico”.

Un problema però riguarda l’italian sounding. “Dobbiamo fare in modo che il vero made in Italy possa essere presente nei mercati internazionali importanti”, ha rilevato Tajani che ha poi evidenziato in questo ambito l’importanza dell’America Latina , dove vivono le comunità italiane più grandi nel mondo”. Il Ministro ha inoltre espresso la volontà di valorizzare uno dei progetti in carico al PNRR che viene promosso dal Ministero degli Esteri (Dgit), ossia il turismo delle radici, per incrementare ritorno turistico nei piccoli borghi e comuni italiani dei nostri connazionali all’estero e dei loro discendenti. “Scriverò – ha aggiunto il Ministro – a tutti i comuni, specie quelli più piccoli, per illustrare il progetto”.

Rispondendo alle domande dei giornalisti Tajani si è soffermato sulla crisi in Iran ricordando come al momento l’unica italiana che abbia avuto problemi sia stata Alessia Piperno, che, grazie a un intenso lavoro diplomatico e di intelligence, è stata liberata. Il Ministro ha inoltre ribadito la netta contrarietà  del nostro Paese contro la pena di morte: “Devo dire con soddisfazione – ha aggiunto – che il numero di paesi che hanno votato alle Nazioni Unite a favore della moratoria è aumentato”. Tajani si è espresso anche sulla situazione in Ucraina: “Noi tutti vorremmo che il conflitto finisse il prima possibile, che prevalesse la linea della diplomazia e ci fosse subito un cessate il fuoco”.  In proposito il Ministro ha rilevato l’esigenza di “partecipare alla ricostruzione” dell’Ucraina per la quale si è augurato un “recovery plan”.

Il ministro Tajani si è infine soffermato sulla questione dell’Africa Sub-Sahariana, altro snodo fondamentale per la politica estera italiana segnalando sia la difficile situazione del Niger, dove si registra la crescita di organizzazioni terroristiche, sia la possibilità che venga aperta una nuova Ambasciata in Mauritania. (Alessio Mirtini- Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform