direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Alessandro Boccaletti:(Cgie/Lega):  “Carta Identità Elettronica Italiana: un enorme beneficio”

ITALIANI ALL’ESTERO

 

Durante una recente visita istituzionale a Belgrado, il consigliere del CGIE Alessandro Boccaletti ha vissuto in prima persona l’esperienza positiva della richiesta della Carta d’Identità Elettronica (CIE). “Dopo aver fissato un appuntamento con la sede consolare e predisposto anticipatamente il formulario per la richiesta, un preparato funzionario del Consolato, con macchina fotografica parlante e una veloce presa digitale delle impronte dei due indici, in 10 minuti, gli hanno permesso di lasciare la sede consolare con la richiesta inoltrata in Italia. Tra circa due settimane potrà ripassare per il ritiro”, spiega Boccaletti. “Posso proprio dire – afferma il consigliere  – che l’intero processo che comprende un insieme di tecnologia e preparazione, evidenzia una delle tante eccellenze italiane e del nostro MAECI. Ricordo ai nostri connazionali AIRE che la procedura per la richiesta della CIE è semplice”. “I benefici per i cittadini sono enormi – prosegue Boccaletti – e la carta d’identità elettronica oltre a garantire al cittadino un documento per la sua identità valido e sicuro, permette l’accesso a tutte le piattaforme gestite dall’amministrazione dello Stato, quali: INPS, Agenzie delle Entrate, portale FAST IT, ed altre; ma soprattutto permetterà ai cittadini, alle prossime consultazioni referendarie e politiche, di esprimere con personalità, libertà e segretezza il diritto e dovere del voto”.

“La certezza dell’identità digitale e quindi la presenza digitale del cittadino su qualsiasi piattaforma amministrata dello Stato è –  commenta Boccaletti – espressione della democrazia e di uno Stato di diritto. La certezza dell’identità è certezza del voto, ed è ora di eliminare definitivamente all’estero il voto per corrispondenza” in quanto , secondo il consigliere, portatore di criticità .  “La presenza di 7 milioni di iscritti all’AIRE, la necessità di stimolare con legge, come da articolo 18 della Costituzione, forme di associazionismo regolamentato tra italiani anche all’estero, il peso referendario, la partecipazione nell’eleggere all’estero 12 parlamentari, impone come Stato la necessità di assicurare la certezza del voto e la nostra rappresentanza sia in Italia che all’estero, che per natura vive in continua mobilità”, aggiunge Boccaletti . Che invita tutti i connazionali all’estero, “ad iscriversi  il prima possibile nei registri AIRE, che è un obbligo di legge, e anche per evitare sanzioni personali, e soprattutto per richiedere il prima possibile la Carta Identità Elettronica Italiana abbandonando finalmente la logorata carta d’identità cartacea”.

Il consigliere del Cgie ricorda: “Al momento la carta d’identità elettronica viene rilasciata dagli Uffici consolari abilitati (Paesi dell’Unione Europea, Gran Bretagna, Svizzera, Norvegia, Principato di Monaco, San Marino e Santa Sede – Città del Vaticano) e in via sperimentale in alcune sedi consolari in Paesi extraeuropei. La sua diffusione su tutta la rete consolare è in corso”.(Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform