direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Aggiornamenti del Comites di Wellington sull’emergenza coronavirus

ITALIANI ALL’ESTERO

Da lunedì 27 aprile il Paese passerà al livello 3 di emergenza, meno restrittivo del livello 4 attualmente in vigore

 

WELLINGTON – Il Comites di Welington segnala che il Primo ministro neozelandese ha annunciato che da lunedì 27 aprile il Paese passerà al livello 3 di emergenza Covid-19, meno restrittivo del livello 4 attualmente in vigore.

Molte persone – segnala il Comites – potranno tornare a lavorare, e i bambini dei lavoratori, fino all’anno 10 (seconda superiore) potranno tornare a scuola (ma non prima del 29 aprile).
Non torneranno ad operare ristoranti, bar, alberghi, eccetto coloro che possono fornire servizi d’asporto, drive-through, o pick-up senza interagire fisicamente con i clienti. I negozi non essenziali rimarranno chiusi ma potranno vendere online od organizzare pick-up senza contatto fisico.

Il Comites invita le aziende italiane che lo desiderano di segnalare all’indirizzo info@comitesnz.com l’andamento della propria attività, o gli orari di apertura, vendite online, offerte speciali ecc.

Di seguito un breve sommario in italiano delle disposizioni ora proposte per il livello 3: si dovrà continuare a rimanere a casa eccetto per gli spostamenti necessari (andare al lavoro, a scuola, fare la spesa, passeggiata nei dintorni); distanziamento fisico di due metri fuori casa (incluso il trasporto pubblico) o di un metro in ambienti controllati come scuole e luoghi di lavoro; le persone dovranno rimanere all’interno della loro “bolla familiare” immediata, ma potranno espanderla per riconnettersi con la famiglia, badanti e babysitter, e offrire supporto alle persone isolate, questa bolla estesa dovrà però rimanere esclusiva (niente cene con gli amici); le scuole (dalla prima elementare all’anno 10) e i centri di educazione della prima infanzia (nidi e asili) potranno aprire, ma avranno una capacità limitata, i bambini dovrebbero continuare le lezioni a casa, ove possibile (per esempio se un genitore può continuare a lavorare da casa); le persone dovranno infatti continuare a lavorare da casa a meno che questo non sia possibile; le aziende potranno aprire, ma non potranno interagire fisicamente con i clienti; sono consentite attività ricreative locali a basso rischio, per esempio si potrà fare surf (solo se esperti), camminate nei boschi, pescare (ma non in barca), l’importante è mantenere sempre 2 metri di distanza dagli altri; i luoghi pubblici saranno ancora chiusi (ad es. biblioteche, musei, cinema, aree ristorazione, palestre, piscine, campi da gioco, mercati); saranno ammessi raduni fino a 10 persone, ma solo per matrimoni, funerali e tangihanga (veglie/funerali Māori), dovranno essere comunque mantenute le distanze fisiche e le misure di sanità pubblica; i servizi sanitari continueranno le consultazioni virtuali e senza contatto fisico ove possibile; i viaggi interregionali saranno molto limitati (ad esempio per i lavoratori essenziali, con esenzioni limitate per gli altri), chi dovrà viaggiare per prendere un aereo per rimpatriare potrà farlo, le persone ad alto rischio di malattie gravi (anziani e persone con patologie mediche esistenti) sono sempre incoraggiate a rimanere a casa ove possibile e ad adottare ulteriori precauzioni quando si esce di casa, queste potranno scegliere se lavorare o meno.

Il Comites raccomanda a tutti i connazionali di riguardarsi, con un pensiero particolare a coloro hanno perso familiari e amici in Italia, che sono soli, o che hanno dovuto chiudere le proprie attività con grossi rischi economici. Invita inoltre coloro che non sono ancora riusciti a tornare in patria con i voli Qatar o con voli organizzati dai vari paesi Ue che offrono posto ai cittadini italiani, a seguire i comunicati sulle possibilità di altri voli, e di tenere aggiornata l’Ambasciata sulle proprie condizioni. Per ulteriori informazioni si può fare riferimento alla pagina Covid-19 Nuova Zelanda e News del Comites. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform