direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Africa Day 2021, l’intervento del Ministro Di Maio per il 58° anniversario della fondazione dell’Unione Africana

FARNESINA

 

ROMA – Africa Day 2021. Il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, in occasione del 58° anniversario della fondazione dell’Organizzazione dell’Unità Africana (divenuta dal 2002 Unione Africana), ha ricordato in un videomessaggio l’importanza del partenariato tra Italia e Africa. “Proprio quest’anno abbiamo organizzato un evento virtuale e adoperato le tecnologie digitali per valorizzare la ricchezza e la varietà del patrimonio artistico e culturale del continente africano. Sin dagli albori della civiltà, arte e cultura sono due tra i migliori strumenti di conoscenza reciproca tra i popoli: attraverso la mostra virtuale e il percorso espositivo di opere africane, con la quale celebreremo il legame tra Italia e Africa, racconteremo il tributo stesso a questo continente”, ha affermato Di Maio rivolgendo poi un pensiero all’Ambasciatore Attanasio che si è sempre distinto in Africa per la propria attività in favore delle popolazioni più svantaggiate. “Un tributo a questo straordinario continente, alle sue genti, a coloro che lo amano e contribuiscono al suo sviluppo è occasione per commemorare le figure dell’Ambasciatore Luca Attanasio, del Carabiniere Vittorio Iacovacci e dell’autista del programma alimentare mondiale Mustapha Milambo, vittime lo scorso 22 febbraio di un tragico attentato nella Repubblica Democratica del Congo”. Il Ministro si è poi soffermato nuovamente sull’evento. “Questo nostro progetto è in linea con l’Agenda 2063 dell’Unione Africana e ne sottolineo l’impegno verso la costruzione di un’Africa dalla forte identità culturale. Il patrimonio culturale africano, sia esso materiale o immateriale, costituisce una ricchezza da preservare e valorizzare”, ha evidenziato Di Maio parlando quindi delle attività in ambito multilaterale di cooperazione culturale con l’Africa che vedono l’Italia storicamente in prima linea insieme ad organizzazioni internazionali come UNESCO e ICOM, nonché con la partecipazione di programmi specifici del Ministero della Cultura. Il continente africano vede la popolazione giovanile in forte crescita ed è quindi inevitabile che l’Italia tenda una mano a coloro che rappresentano il futuro dell’Africa. “Mettiamo a disposizione la nostra vocazione e soprattutto le competenze tecniche di altissimo livello”, ha precisato il Ministro ricordando la candidatura dell’Italia al Comitato del Patrimonio Mondiale UNESCO per il mandato 2021-2025 alle elezioni di Parigi del novembre prossimo. “Quelle legate all’Africa sono sensibilità che l’Italia, quale Presidente del G20, metterà al centro dei lavori. Parleremo di impatto dei cambiamenti climatici, di patrimonio culturale e lotta al traffico illecito, di formazione nella tutela dei beni artistici e paesaggistici. In questo momento, ovunque nel mondo, il settore culturale e creativo subiscono ancora le ripercussioni dell’emergenza pandemica”, ha evidenziato Di Maio sottolineando come anche numerosi artisti africani abbiano potuto divulgare comunque la propria arte attraverso la tecnologia. “Il 2021 proseguirà come un anno di particolare rilievo per le relazioni tra Italia e Africa e ci saranno due momenti culminanti”, ha aggiunto il Ministro ricordando la ministeriale G20 di Matera e l’evento ‘Incontri con l’Africa’ che vedrà il coinvolgimento delle autorità africane. “L’interazione tra le due sponde del Mediterraneo rimane intensa e sfaccettata, con un destino che le rende inseparabili: cresce anche il numero di imprese italiane attive in Africa. E’ dunque un dialogo unico, quello tra Italia ed Africa, e su queste basi puntiamo a rafforzare un partenariato già solido”, ha concluso Di Maio. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform