direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ad “Asincronie 2020” l’emigrazione sarda e italiana nelle miniere del Belgio

CINEMA

Rassegna cinematografica nel borgo  minerario dell’Argentiera

SASSARI – Lavoro in miniera ed emigrazione sono tra i temi della rassegna cinematografica “Asincronie 2020” che si terrà nel borgo minerario dell’Argentiera  . La manifestazione – ideata e curata dai fotografi e filmmaker dell’associazione 4CaniperStrada, con il patrocinio e il supporto del Comune di Sassari  – sarà ospitata a Pozzo Podestà, sito storico all’Argentiera. La rassegna si aprirà il 28 agosto alle 20.45 con la proiezione del film  del regista belga Paul Meyer “Déjà s’envole la fleur maigre” (Già vola il fiore magro, da un verso di Quasimodo).  La pellicola del 1960, restaurata dalla Cinematek Royale di Bruxelles (con i fondi della  Baillet-Latour e in partenariato con l’Istituto Italiano di Cultura) , racconta il dolore dello sradicamento, lo sfruttamento, la vita durissima degli italiani nelle miniere del Belgio  attraverso la storia di un sardo e della sua famiglia emigrati alla fine degli anni ‘50 nel bacino minerario  del  Borinage, nella Vallonia . La proiezione – che si terrà all’aperto –  è organizzata in collaborazione la Cineteca Sarda–Società Umanitaria . Il film sarà presentato dal direttore Antonello Zanda.(Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform