direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ad Amburgo arie e sinfonie del barocco italiano con il tenore Ian Bostridge e l’ensemble Cappella Neapolitana

APPUNTAMENTI

Domani alla Laeiszhalle un concerto realizzato in collaborazione con l’IIC di Amburgo

AMBURGO – Martedì 16 novembre, alle ore 10, presso la Grande Sala della Laeiszhalle di Amburgo, si terrà un concerto di arie e sinfonie del barocco italiano di Antonio Vivaldi, Tomaso Albinoni, Francesco Cavalli e Sigismondo d’India con il tenore Ian Bostridge e l’ensemble Cappella Neapolitana.

Il concerto è organizzato dalla HamburgMusik , la Società Operativa della Elbphilharmonie e della Laeiszhalle di Amburgo, che ha come scopo quello di promuovere l’attività culturale e in particolare la diffusione e la promozione della musica in tutte le sue manifestazioni, con l’accento sul rafforzamento della qualità e della diversità della vita musicale di Amburgo. Ha reso possibile la realizzazione dell’evento anche il sostegno del locale Istituto Italiano di Cultura.

Il tenore britannico Ian Bostridge, conosciuto come un eccezionale interprete di Lieder, dimostrerà la sua padronanza del repertorio d’aria barocco e classico in tre concerti alla Elbphilharmonie. Per cominciare, intraprenderà un viaggio nell’epoca barocca insieme all’ensemble sonoro Cappella Neapolitana in cui arie d’opera italiane di Napoli, Venezia e Crema sono combinate con pezzi puramente strumentali per creare un panorama musicale tanto vario quanto divertente.

Bostridge attraverserà musicalmente un ampio spettro di emozioni, da elegiache canzoni d’amore a spiritate esplosioni di rabbia fino al più profondo dolore e terrore, combinando abilmente il repertorio familiare con nuove scoperte. Un’attenzione particolare è rivolta al repertorio napoletano dei secoli XVII e XVIII, che la Cappella Neapolitana sta esplorando sistematicamente da molti anni. In occasione di questo concerto sarà possibile ascoltare opere raramente eseguite, di compositori come Francesco Provenzale, Nicola Fago e Giovanni Cesare Netti.

La Cappella Neapolitana, ensemble fondato nel 1987 da Antonio Florio, inizialmente col nome di Cappella della Pietà de’ Turchini, è costituita da strumentisti e cantanti specializzati nell’esecuzione del repertorio musicale napoletano di Sei e Settecento, e nella riscoperta di compositori rari.

L’originalità dei programmi e il rispetto rigoroso della prassi esecutiva barocca ne fanno una delle punte di diamante della vita musicale italiana ed europea. L’ensemble è stato invitato ad esibirsi sui palcoscenici importanti di tutto il mondo (Accademia di Santa Cecilia di Roma, Teatro di San Carlo, Palau de la Musica di Barcellona, Berliner Philharmonie, Wiener Konzerthaus, Teatro Lope de Vega di Siviglia, Associazione Scarlatti di Napoli, Teatro La Monnaie di Bruxelles, Concertgebouw di Amsterdam, Teatro Colon di Buenos Aires, Cité de la Musique di Parigi, Philharmonie di Colonia, Opera di Losanna) e ha preso parte ai maggiori festival di musica antica europei: Festival Monteverdi di Cremona, Festival di Versailles, Nancy, Nantes, Metz, Caen, Ambronay, Festival de Otoño di Madrid, Festival di Musica Antica di Tel Aviv, Barcellona, Potsdam, BBC Early Music Festival, Saison Musicale de la Fondation Royaumount, Festival Mozart di La Coruña.

La Cappella Naeapolitana è inoltre uno dei complessi italiani che, proprio grazie alla altissima qualità esecutiva e alla unicità delle proposte musicali, ha tenuto più concerti all’estero; si è esibita in Cina, Giappone, Stati Uniti, Brasile, Colombia, Argentina, Cile, Uruguay, Messico, Russia, oltre che in tutta Europa. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform