direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Zurigo l’iniziativa “Contributo dalla Svizzera alla lotta antifascista italiana!”

ASSOCIAZIONI

Sostenuta dalla Federazione delle Colonie Libere Italiani in Svizzera, si svolgerà presso il Comitato XXV aprile

 

ZURIGO – Il notiziario della Federazione delle Colonie Libere Italiane in Svizzera (Fclis) segnala tra gli eventi organizzati per la celebrazione della Festa della Liberazione italiana quello in programma presso il Comitato XXV aprile di Zurigo, nella sala del Quartierzentrum Aussersihl (Hohlstrasse 67), mercoledì 25 aprile alle ore 19.30. L’iniziativa, sostenuta dalla Fclis, è intitolata “Contributo dalla Svizzera alla lotta antifascista italiana!” e prevede l’intervento di diverse personalità.

“I fondatori delle prime Colonie Libere Italiane – ricorda la Fclis – erano dei fuorusciti, profughi, rifugiati politici, esiliati o emigrati, come li chiameremmo oggi. Fuggivano dal regime fascista per raggiungere la Svizzera, la Francia, l’Austria e altri Paesi. Erano dei clandestini che attraversavano il confine in modo illegale – spesso a piedi e di notte – come le tante persone che oggi giungono in Italia e in altri Paesi europei fuggendo da scenari di guerra”.

“Negli anni Venti del secolo scorso, ci fu un vero e proprio esodo di significativi dirigenti politici ma anche di una consistente massa di operai, impiegati e professionisti antifascisti. Moltissimi, in Svizzera, continuarono la battaglia politica contro il fascismo e prepararono il terreno alla resistenza armata in Italia. All’estero – si legge nel notiziario, – si distinsero per la loro testimonianza etico-politica, dichiarando la loro opposizione anche nei confronti dei rappresentanti consolari e dell’ambasciata, allora naturalmente fascisti. E nell’individuare il proprio nome, scelsero l’aggettivo «libera» per rimarcare l’indipendenza dal regime di Mussolini che voleva fascistizzare anche gli italiani all’estero imponendo la nomina dei presidenti nelle associazioni”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform