direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Washington la riunione di coordinamento consolare

ITALIANI ALL’ESTERO

Tra i deputati eletti nella ripartizione America settentrionale e centrale anche Francesca La Marca (Pd) che si è soffermata sulle prossime scadenze parlamentari e sulle modifiche recentemente approvate alla legge in materia di cittadinanza italiana

WASHINGTON – Anche la parlamentare Francesca La Marca (Pd, ripartizione America settentrionale e centrale) ha partecipato alla prima riunione di coordinamento consolare svoltasi a Washington con i Comites e i consigliere di Cgie da poco rinnovati, i parlamentari eletti nella ripartizione e i direttori degli Istituti Italiani di Cultura. A presiedere l’incontro, cui sono intervenuti anche il consigliere economico dell’Ambasciata Carlo Romeo e il direttore di Rai World Piero Corsini, l’ambasciatore Claudio Bisogniero.

La Marca segnala anche di aver partecipato ad una riunione più ristretta immediatamente precedente l’incontro, insieme ai presidente dei Comites degli Usa e alla presenza di Bisogniero e Romeo. Temi oggetto di discussione – si legge nella nota diffusa in proposito dalla parlamentare democratica – le modalità di voto, l’eventualità di un suo esercizio presso seggi installati nei consolati e con modalità elettroniche, la questione dell’opzione, la limitata partecipazione registrata nell’ultima consultazione dei Comites, le problematiche legate all’autenticazione delle firme, e altro ancora.

Nella plenaria, tra i punti all’ordine del giorno anche la verifica del Programma AP relativo alla promozione della lingua e della cultura italiana negli Usa e l’efficienza dei servizi consolari, anche alla luce della chiusura di alcune strutture.

In tale occasione La Marca, dopo essersi congratulata con i nuovi eletti per il loro successo ed aver fatto gli auguri di buon lavoro, ha sottolineato “l’esigenza di una più stretta sinergia di forze e di impegno rispetto al passato tra tutti i livelli di rappresentanza – Comites, nuovo Cgie e parlamentari – al fine di contrastare il rischio di regressione degli interventi verso gli italiani all’estero e di farne pesare e riconoscere le istanze”.

La deputata si è soffermata poi sulle imminenti scadenze parlamentari, relative alla legge di stabilità e all’annunciata abolizione dell’Imu e della Tasi sulla prima casa. Rispetto alla legge di stabilità, “che risentirà – avverte La Marca – della necessità di recuperare margini di spesa pubblica da destinare agli sgravi fiscali, si tratterà di far fronte comune per evitare che questa operazione incida pesantemente sulle poste riguardanti gli italiani all’estero”. Per Imu e Tasi l’impegno annunciato è quello di “fare in modo che la recente conquista dell’esenzione per i pensionati sia ulteriormente estesa e che, più in generale, l’abitazione posseduta di cittadini italiani all’estero sia equiparata alla prima casa”.

La parlamentare si è anche soffermata sull’approvazione di un disegno di legge di iniziativa popolare sulla concessione della cittadinanza ai minori figli di stranieri nati in Italia da genitore regolarmente residente o che abbiano frequentato un intero ciclo di studi, iter che non ha previsto l’accoglimento di emendamenti su questioni di cittadinanza ancora aperte per i connazionali all’estero, “per la specificità della soluzione adottata”. “La strada che si è scelta – spiega La Marca – è stata quella di aumentare le pressioni politiche per fare in modo che la soluzione per questo altro ordine di problemi possa venire in prima battuta dal Senato, dove è in stato di avanzato esame una legge altrettanto specifica”. Richiamata anche l’opportunità di “evitare sulla cittadinanza fughe propagandistiche e di creare facili illusioni per un percorso necessario da perseguire ma che resta ancora lungo e difficile”.

La Marca segnala anche di aver affrontato con il direttore Corsini alcuni aspetti dell’informazione destinata ai connazionali per il miglioramento del servizio a beneficio delle comunità in Nord America. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform