direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Tirana, cerimonia in occasione dell’inizio della Presidenza Italiana del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa

SEMESTRE ITALIANO

TIRANA (Albania) – Presso la Residenza d’Italia, ha avuto luogo la cerimonia in occasione dell’inizio della Presidenza Italiana del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, l’ottava dalla nascita dell’Organizzazione nel 1949. Presenti alla cerimonia rappresentanti del Governo albanese, del corpo diplomatico accreditato in Albania nonché altre autorità.

L’Ambasciatore d’Italia in Albania, Fabrizio Bucci, nel ringraziare i presenti, ha reso noti i tre grandi temi del semestre italiano di presidenza, rappresentati dal rilancio dell’impegno comune verso i valori e i principi fondanti del Consiglio d’Europa, anche attraverso la tutela del patrimonio culturale, visto come uno strumento per promuovere l’identità comune, il dialogo interculturale e l’inclusione sociale. La seconda priorità riguarda la protezione delle fasce più vulnerabili della popolazione, con particolare attenzione alle donne, ai giovani e ai bambini. L’Ambasciata d’Italia in Albania, ha ribadito l’Ambasciatore, si impegnerà alla promozione dei diritti delle donne, della loro emancipazione e della paritaria partecipazione nella vita sociale, economica e pubblica, nonché del contrasto alla violenza domestica. Con riguardo, invece, ai diritti dei minori, il programma della Presidenza italiana prevede attività educative nelle scuole, volte ad accrescere la loro partecipazione consapevole ai valori promossi dal Consiglio. La costruzione di un futuro incentrato sulle persone e, in tale contesto, la centralità del tema delle nuove sfide tecnologiche, come l’intelligenza artificiale e la definizione di un quadro normativo in ambito del Consiglio d’Europa, costituisce la terza priorità del semestre italiano di Presidenza del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, ha concluso il suo intervento l’Ambasciatore. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform