direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A “Storie dal mondo”, l’esperienza di Giulia Ambrogi, romana di origine e trasferitasi in India

ITALIANI ALL’ESTERO

 

A Nuova Dheli ha fondato St+Art, un’organizzazione senza scopo di lucro che promuove la street art nelle città, non solo indiane

 

ROMA – Per “Storie dal mondo”, la rubrica della trasmissione di Rai Italia “l’Italia con voi”, Michele Cinque presenta l’esperienza di Giulia Ambrogi, originaria di Roma, dove ha studiato filosofia e storia dell’arte, e trasferitasi nel 2014 in India, dove ha fondato St+Art, un’organizzazione senza scopo di lucro che promuove la street art nelle città. Negli ultimi anni Giulia e i suoi soci hanno rivoluzionato interi quartieri grazie all’intervento di importanti artisti da tutto il mondo. Non solo Nuova Delhi o Mumbai, anche Abu Dhabi, Dubai e altre città in Svezia e Australia. “L’India – spiega la protagonista di questa storia – sta crescendo moltissimo e le città indiane si stanno trasformando grazie al potere della street art. Ogni giorno circa 30 mila persone arrivano nella grandi città dalle aree rurali, le strade evidenziano grandi disparità sociali”.  Giulia si è appassionata di arte indiana contemporanea quando, subito dopo l’università, ha cominciato a lavorare al museo Maxxi di Roma, in un periodo in cui era in corso la prima mostra in Europa di artisti indiani di arte contemporanea. Ha così creato un network che l’ha condotta in India, dove ha fondato insieme ad alcuni artisti locali, St+Art. “I primi due anni e mezzo sono stati molto difficili, perché non avevamo soldi, ma negli ultimi due anni e mezzo invece c’è stata un’esplosione – rileva Giulia, sottolineando come la Fondazione abbia creato già diversi distretti artistici, una sorta di “museo a cielo aperto” nelle città. Sottolinea poi l’importanza della sua origine italiana, per il bagaglio culturale che si porta alle spalle; “non avrei capito l’importanza potenziale di quello che faccio se non fossi stata italiana – conclude. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform