direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Sorrento Europa, America e produzioni internazionali con il Premio Penisola Sorrentina

EVENTI

La cittadina costiera, che ospiterà anche i lavori del G20, a fine ottobre punterà al dibattito culturale internazionale con il Premio patrocinato dal Ministero della Cultura. E intanto con lo IACE (Italian Language Center) di New York e il Centro culturale Exordium porta avanti le celebrazioni digitali di Dante700

SORRENTO (Napoli) – Europa, America, rapporti e produzioni internazionali saranno al centro dell’agenda del Premio Penisola Sorrentina 2021 che si ispira al  “Modello Sorrento”, creato dal Sindaco della città Massimo Coppola, che si appresta anche ad accogliere ad ottobre i lavori del G20.

Tra gli ospiti attesi per l’edizione 2021 anche la modella, attrice  e conduttrice Valeria Altobelli (ex Miss Mondo Italia e presidente dell’Associazione internazionale Mission NGO) con cui il Premio iniziato a costruire un ponte tra il cinema e il sociale, nel campo delle relazioni internazionali.

Il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” arriva alla ventiseiesima edizione. E la macchina organizzativa guidata da Mario Esposito non si è fermata neppure durante il ferragosto. In questo periodo stanno avvenendo infatti gli incontri con il board per definire i premiati del 2021 e rinforzare corollari e manifestazioni collaterali che diano all’evento un carattere di continuità e trasversalità, in grado di  superare la tipica dimensione di un “evento spot” per evidenziare invece la qualità di  un “premio progetto” per il rilancio del territorio.

La kermesse rappresenta dunque una sorta di zona franca in cui convivono il colto ed il popolare; premi Oscar e politici, giovani interpreti e nomi noti. Cultura nel senso più alto del termine. Al limite della contaminazione e della sperimentazione. Al Premio Penisola Sorrentina sono passati Capi di Stato come Francesco Cossiga e Oscar come Nicola Piovani e Fred Murray Abraham. E poi tanti volti del cinema e della televisione come Lino Banfi, Sandra Mondaini, Pippo Baudo, Giovanna Ralli, Giancarlo Giannini, Serena Rossi, Christian De Sica, Peppe Servillo, Paolo Ruffini, Leo Gullotta, Giancarlo Magalli, Alberto Bevilacqua, Walter Veltroni, solo per citarne alcuni. A loro è andata la statuetta-cammeo allestita dal maestro artigiano di Torre del Greco Francesco Scognamiglio su soggetto artistico del sannita Giuseppe Leone, che è anche il direttore artistico di un progetto collaterale del Premio dedicato ai 700 anni dalla morte di Dante Alighieri e che coinvolge pure gli Stati Uniti, grazie alla sinergia con il Centro culturale internazionale Exordium e l’Italian American Committee on Education di New York, presieduto da Berardo Paradiso.

Nella Giuria del Premio nomi di eccellenza del mondo della cultura e del cinema. Su tutti si segnala quello di Luca Barbareschi che è il presidente; poi ci sono Danilo Rea, che presiede la sezione “cinema e musica”,  l’autore televisivo e doppiatore Giancarlo Magalli, che (insieme con Gustavo Verde) coordina una sezione dedicata alla comicità intitolata a Dino Verde, splendido autore televisivo di format indimenticabili come “Scanzonatissimo”, e l’attrice Francesca Cavallin.

New entry dell’edizione 2021 anche una matinée  dedicata al dibattito politico-culturale sul mezzogiorno a cura del giornalista e scrittore  Roberto Napoletano (direttore del Quotidiano del Sud – L’altravoce dell’Italia), ed  il premio speciale della critica cinematografica “LunedìFilm” curato da Pier Paolo Mocci. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform