direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Saint Nicolas manifestazioni per il 70° dell’“accordo del carbone” tra Italia e Belgio

ITALIANI ALL’ESTERO

Dal 26 al 28 agosto, organizzate dal Comune belga e dalle associazioni di emigrati presenti sul territorio

Incasso degli eventi devoluto alle popolazioni colpite dal terremoto in Italia  Centrale

 

SAINT NICOLAS – Si è svolta a Saint Nicolas in Belgio alla Maison des Terrils, la grande manifestazione per ricordare il 70° anniversario dell’accordo Italia Belgio, conosciuto come “accordo del carbone”.

Allora, l’Italia che usciva dalla guerra, aveva due problemi impellenti: la ricostruzione e la ripresa economica, la disoccupazione. Con una serie di accordi, tra cui quello che quest’anno fa 70 anni stipulato con il governo belga, venne fornita la duplice risposta ai due problemi: fornire carbone alle industrie italiane del nord in cambio degli emigrati mandati in Belgio, dare una risposta ai tanti disoccupati indicando loro la via dell’emigrazione.

Dal 26 al 28 agosto, l’Amministrazione Comunale di Saint Nicolas, guidata dal sindaco Jeak Heleven, insieme alle varie associazioni di emigrati presenti sul territorio, tra le quali: L’Unione Siciliana Emigrati e Famiglie (Usef), il ritrovo amici Abruzzesi e Molisani, Les Deux Iles, il Circolo Culturale Emiliana-Romagnolo, assieme a Radio Prima, la Régies des Quartiers di Saint Nicolas, Il Console Onorario di Liegi, hanno voluto ricordare l’evento, organizzando una serie di manifestazioni sia presso la Salle Culturelle de Montagnée, sia presso La Maison des Terrils.

Parecchie le manifestazioni, come abbiamo detto, tra cui teatro, concerti, animazione musicale, mostre fotografiche, feste tradizionali, proiezioni video ed infine ristorazione e piatti tipici.

Il comitato organizzatore, volendo aiutare le popolazioni colpite dal terremoto, ha deciso di devolvere tutto l’incasso a loro sostegno.

Una iniziativa che si unisce alle tanti iniziative analoghe che si stanno realizzando in tutto il mondo, per aiutare tanta gente così duramente colpita da una natura che si ribella e che si vendica in maniera cruenta e crudele.

L’Usef, in questo momento così drammatico, si sente vicino a chi soffre, alle famiglie dei morti, alle Istituzioni comunali e regionali che si stanno facendo carico del lavoro di recupero e di sostegno alle popolazioni colpite, alle migliaia di persone che in maniera volontaria rischiano anche la propria vita per cercare di salvare la vita degli altri.

E’ in questi momenti che si manifesta il volto di quella Italia solidale, che fa sentire la propria presenza e la propria solidarietà da ovunque si trovi sparsa per il mondo e della quale ci sentiamo parte.(Salvatore Augello*/Inform)

*Segretario generale Usef

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform