direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Pieve di Cadore “Correnti artistiche del Novecento

MOSTRE

Esposte dal 30 luglio al 28 agosto opere del Fondo mons. Gino Bortolan della Fondazione Cassamarca di Treviso

 

TREVISO/PIEVE DI CADORE –  Appuntamento a Pieve di Cadore (Belluno)  sabato 30 luglio, alle ore 17, con l’inaugurazione della mostra “Correnti artistiche del Novecento”, che presenta una selezione di opere del Fondo Mons. Bortolan.

Presso il palazzo della Magnifica Comunità del Cadore sarà possibile visitarla fino al 28 agosto.

Saranno esposte 44 opere di 34 artisti, che fanno parte del Fondo Mons. Gino Bortolan, donato alla Fondazione Cassamarca dal monsignore di origini trevigiane che per molti anni fu “il cappellano degli artisti” a Venezia, oltre che direttore dell’Archivio storico del Patriarcato e del Museo diocesano S. Apollonia.

Tra i pittori presenti, si ricordano: Guido Cadorin, Vincenzo Eulisse, Giuseppe Gambino, Mario Sironi, Emilio Vedova, Giuseppe Santomaso, Tancredi Parmeggiani, Lucio Fontana, Mario De Luigi e Toni Ellero.

La rassegna è organizzata da Fondazione Cassamarca in collaborazione con il Lions Club Treviso Sile, la Magnifica Comunità del Cadore, con il patrocinio della Città di Treviso, del Magnifico Comune di Pieve di Cadore, della Diocesi di Treviso-Ufficio per l’Arte Sacra e i Beni Culturali e dell’Associazione Culturale per gli Scambi Artistici.

La mostra e il catalogo sono a cura del prof. Raffaello Padovan, con la collaborazione di Maria Edvige Bona e Giuseppe Desideri, su idea di Aldo Solimbergo. Hanno collaborato al progetto anche alcuni giovani studenti: Eduardo Beltramini, Clarissa Casagrande, Lorraina Favaron, Njomeza Krasniqi, Martina Mechelli e Virginia Oppes.

“Custode del prezioso lascito di Mons. Bortolan, che consta di numerosissime opere d’arte -ha scritto il Presidente della Fondazione Cassamarca nella presentazione della mostra – Fondazione Cassamarca è ben lieta di rendere ancor più fruibile del consueto una parte del patrimonio donatole”.  (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform