direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Nizza l’iniziativa “Les Femmes entre le souvenir et l’avenir” promossa dal locale Comites

ITALIANI ALL’ESTERO

Nell’intervento di Laura Garavini (Pd, ripartizione Europa) i passi avanti compiuti sul fronte delle pari opportunità delle donne in Italia

 

NIZZA – Laura Garavini, deputata eletta per il Pd nella ripartizione Europa, ha partecipato a Nizza alla iniziativa “Les Femmes entre le souvenir et l’avenir” promossa dal locale Comites, presieduto da Franco Valenti, per celebrare la Giornata internazionale della Donna.

Nel corso dell’evento, cui hanno partecipato anche la vice presidente del Comites, Laura Albanese e il consigliere del Cgie, Enrico Musella, Garavini ha sottolineato in particolare quanto fatto dall’esecutivo a guida Pd nel corso degli ultimi 3 anni per incrementare le opportunità delle donne nella società italiana. “Abbiamo introdotto una serie di leggi che rendono i luoghi di lavoro maggiormente a misura di donna, aumentando ad esempio i tempi di congedo parentale, sia per le madri che per i padri – segnala l’esponente democratica, evidenziando anche il contrasto alla pratica delle “dimissioni in bianco”, utilizzata per licenziare le donne in caso di gravidanza, reso possibile grazie all’introduzione “di una procedura esclusivamente telematica, in tempo reale, per le dimissioni volontarie”.

Richiamate poi “una serie di misure a favore della natalità, dal momento che in Italia è crollato il numero delle nascite”; l’estensione dell’indennità di maternità alle lavoratrici iscritte alla gestione separata dell’Inps, anche in caso di mancato versamento dei contributi da parte del datore di lavoro; il cosiddetto Bonus Bebè, e cioè 960 euro l’anno alle famiglie o alle singole mamme, sia lavoratrici che disoccupate, per i bambini nati o adottati tra il 2015 e il 2017, bonus che si distribuisce in base al reddito e viene erogato nei primi tre anni di vita del bambino. “Non solo – aggiunge Garavini: – da quest’anno, una futura madre può, al compimento del settimo mese di gravidanza o all’atto dell’adozione, chiedere all’Inps un premio di 800 euro, corrisposto in un’unica soluzione. Abbiamo poi istituito un Fondo di sostegno alla natalità, volto a favorire l’accesso al credito delle famiglie con uno o più figli, nati o adottati, a decorrere dal 2017. E sempre a partire da quest’anno, per i genitori dei nati dal 1 gennaio 2016, c’è un buono di 1000 euro annui per il pagamento di rette di asili nido pubblici e privati. La possibilità di usufruire di tutti questi benefici viene comunicata già alla denuncia della nascita della bambina/o all’anagrafe”.

“In sintesi, negli ultimi tre anni in Italia abbiamo fatto significativi passi avanti per le pari opportunità delle donne, sia sul mondo del lavoro che nella vita famigliare – conclude Garavini, segnalando come questi ultimi costituiscano uno “sprone a continuare nella stessa direzione perchè resta ancora enormemente molto da fare”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform