direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A New York tavola rotonda sul design italiano con l’architetto Michele De Lucchi

MADE IN ITALY

Il 2 marzo all’IIC, in occasione della Giornata del Design Italiano

 

NEW YORK – L’Istituto Italiano di Cultura di New York ospiterà giovedì 2 marzo alle ore 18 l’architetto Michele De Lucchi, che presiederà una tavola rotonda dedicata al design italiano cui interverranno Mario Milana, Matteo Milani, e Jonathan Wajskol.

L’iniziativa, a ingresso libero, si svolge nell’ambito della Giornata del Design Italiano, che prevede in 100 luoghi diversi il racconto da parte di altrettanti “ambasciatori” della cultura italiana – designer, imprenditori, giornalisti, critici, comunicatori, docenti – di un progetto di eccellenza legato al design.

Il design in Italia permea infatti i campi della cultura, dell’arte, della filosofia al punto tale da costituire una parte organizzata della società; la sua modernità si fonda sulla concretezza dell’artigianato tradizionale e su uno spregiudicato spirito di sperimentazione, cosicché le creazioni evidenziano lo stile personale del designer. Inoltre, grazie alla concezione che la bellezza del disegno debba applicarsi ai prodotti di consumo di massa, l’arte e il design possono coesistere e prosperare con beneficio reciproco.

La scoperta del fascino che questi oggetti ordinari posso portare nella nostra vita è stata la grande intuizione del design italiano.

La nascita di una cultura del design in Italia è riconducibile al talento straordinario di Leonardo da Vinci nel periodo del Rinascimento e arriva fino all’influenza reciprocamente esercitata dalle moderne correnti artistiche e dalle scuole di design, che hanno permesso al disegno industriale contemporaneo di seguire percorsi ricchi e diversificati. In particolare, dal secondo dopoguerra in poi il design italiano si è sviluppato rapidamente per assecondare la crescita economica del Paese e ha inaugurato un percorso di ricerca di nuova concezione: guidando la produzione industriale, il design in Italia ha dato forma a obiettivi di sviluppo del tutto peculiari e, in seguito, in ogni periodo ha prodotto risultati diversi e caratteristiche nazionali distintive.

Michele De Lucchi è nato nel 1951 a Ferrara e si è laureato in architettura a Firenze. Durante il periodo dell’architettura radicale e sperimentale fu una figura di spicco in movimenti come Cavart, Alchymia e Memphis. Ha creato mobili per le più conosciute aziende italiane ed europee ed è stato direttore del Design per Olivetti dal 1992 al 2002, sviluppando progetti sperimentali per Compaq Computers, Philips, Siemens e Vitra. Ha progettato e ristrutturato edifici in Giappone, in Germania, in Svizzera e in Italia per Enel, Olivetti, Piaggio, Poste Italiane, Telecom Italia; e progettato edifici per musei tra cui la Triennale di Milano, il Palazzo delle Esposizioni di Roma, il Neues Museum di Berlino e le gallerie d’Italia Piazza Scala a Milano. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform