direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Lucerna operatori e volontari tendono una mano ai connazionali

EMERGENZA CORONAVIRUS

Iniziativa del Circolo ACLI di Lucerna, in collaborazione con le istituzioni locali, Pro Senectute, Vicino-Luzern e Zeitgut

ZURIGO (Svizzera) – I momenti di difficoltà possono fare scoprire risorse che per un motivo o l’altro sono state trascurate. E così in questi giorni estremamente complicati, a causa del dilagare della pandemia da coronavirus, con il sistema sanitario nazionale sotto pressione per l’alto numero di contagiati, dovremmo tutti fare un immenso plauso agli operatori sanitari,  a partire dal personale ausiliario fino agli infermieri e ai medici.

In questo contesto, vogliamo segnalare  da parte del Circolo ACLI di Lucerna, in collaborazione con le istituzioni locali, Pro Senectute, Vicino-Luzern e Zeitgut, un’importante iniziativa, che si spera possa essere solo il preludio di un modello da sviluppare anche nei mesi prossimi o a emergenza finita.

Ad occuparsi di questo progetto è il Signor Ippazio Calabrese, presidente del Circolo ACLI di Lucerna e consigliere Com.It.Es, Circoscrizione consolare di Zurigo, insieme al suo team a sostegno delle istituzioni sopra riportate.

Da circa 20 giorni, facciamo del volontariato con follow-up a sostegno dei nostri connazionali (e non solo),  appartenenti alle categorie  a rischio, che a causa del coronavirus sono costretti a restare a casa.

Il servizio è aperto a tutti coloro che hanno necessità di aiuto per delle esigenze quotidiane come, fare la spesa, acquisto di medicinali, visite dal dottore, pagamenti postali, contatti sociali, ecc.

Ad oggi, molte telefonate erano accompagnate anche dalla preoccupazione della presentazione della dichiarazione dei redditi con scadenza 30 marzo ed altri casi burocratici, cui con tanta pazienza si è dato supporto. Il mezzo di comunicazione finora utilizzato è il telefono e l’email, ma si sta valutando anche l’applicazione di Skype. Unica condizione necessaria è che l’assistito sia dotato di webcam o di un cellulare attuale.

La nostra iniziativa,  usando lo slogan in voga in  questo periodo, “io resto a casa” permette di essere “distanti, ma vicini”.

Ovviamente, soddisfatti del progetto, oltre ai nostri connazionali,  ci sono  le Istituzioni locali, nella speranza che lo stesso possa essere ulteriormente implementato anche una volta terminata l’emergenza coronavirus, in quanto per  le persone anziane della nostra collettività, a causa di una conoscenza non sufficiente della lingua tedesca, sarebbe un aiuto utilissimo.

Durante la nostra attività di supporto, diamo  informazioni di comportamento, inerente il contagio, oppure cerchiamo di esaudire   richieste di disinfettante,  di guanti e mascherine,  che  abbiamo ricevuto in donazione.

In questo caso  facciamo il possibile anche perché abbiamo pochissimo capitale a disposizione. Pertanto, ci teniamo a sottolineare che il nostro supporto è  limitato alle nostre risorse.

Alla fine della pandemia, è prevista, comunque, un’informazione a tappeto  dove il connazionale verrà  informato e saprà  dove rivolgersi in caso di necessità e di bisogno.

I contatti per il supporto:

Circolo ACLI Lucerna tel. 079 384 91 06 email:acli.lucerna@bluewin.ch – Pro Senectute Lucerna tel. 041 226 11 88 email:info@lu.prosenectute.ch – Vicino-Lucerna e Zeitgut tel. 079 152  32 32 email: info@vicino-luzern.ch. (Cav. Giulio Rossi, Lucerna/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform