direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A “l’Italia con Voi”, in collegamento da New Delhi l’ambasciatore d’Italia Vincenzo De Luca

RAI ITALIA

 

De Luca ha parlato della situazione sanitaria e dei suoi effetti sul mercato indiano, sempre più importante anche per le imprese italiane

 

ROMA – A “l’Italia con Voi”, la trasmissione di Rai Italia dedicata ai connazionali all’estero, è intervenuto in video collegamento da New Delhi Vincenzo De Luca, ambasciatore d’Italia in India, che si è soffermato sulla situazione sanitaria e sull’emergenza coronavirus in loco.

De Luca ha segnalato come il numero dei contagiati in India risulti in aumento, ma ha precisato anche che “il governo indiano ha agito tempestivamente con il lockdown stabilito dal 23 marzo scorso, quando i casi erano solo alcune centinaia”. “Ricordiamoci che la popolazione indiana supera il miliardo. Se non si fosse intervenuti tempestivamente i numeri oggi sarebbero ancora più alti. A Delhi, che è un’area dove il contagio è stato più diffuso, saremo in lockdown fino al 30 giugno – ha proseguito De Luca, – con una riapertura parziale della circolazione, degli uffici e dei negozi di generi alimentari. In altre parti del paese si procede con modalità differenziate in base ai dati del contagio”. L’Ambasciatore spiega anche che l’epidemia “ha colpito le aree più industrializzate del Paese e le situazioni più preoccupanti sono quella delle periferie urbane e dei migranti interni, ossia i lavoratori che vivono nelle grandi aree urbane e che per via del lockdown sono tornati nei paesi di origine; questo fenomeno – aggiunge – ha creato molta preoccupazione”.

“L’India ha da subito evidenziato la necessità di un’alleanza globale per il contrasto alla pandemia, di rilanciare il multilateralismo e la collaborazione e questo – rileva De Luca – è un segnale importante e una strategia che il governo italiano condivide”.

Per quanto riguarda la collettività italiana ivi residente, si parla di circa 1500 connazionali, tra cui non si hanno avute segnalazioni di casi di Covid. “Abbiamo avuto invece un numero molto rilevante di visitatori temporanei e li abbiamo in molta parte rimpatriati con voli speciali. Ne abbiamo organizzati 4, insieme a voli comunitari. In tutto abbiamo rimpatriato oltre 1000 italiani che si trovavano temporaneamente in India – segnala l’Ambasciatore. “C’è ancora qualche gruppo che deve rientrare in Italia e sono previsti ulteriori voli nelle prossime settimane – aggiunge.

Viene poi richiamato l’impatto economico della pandemia sul gigante indiano: “anche qui è rallentata la produzione, le stime del Pil sono scese, come dappertutto; ma come Italia noi stiamo investendo molto sul mercato indiano, perché bisogna vederlo nella prospettiva, al di là della contingenza – afferma De Luca. “Si tratta – prosegue – di un mercato di oltre 1 miliardo e 200 milioni di cittadini e che è in continua crescita, così come il nostro interscambio. È un mercato molto dinamico ed è anche un Paese che ha sviluppato molto la tecnologia digitale – conclude l’ambasciatore De Luca”. In ultimo i festeggiamenti per la Festa della Repubblica italiana, celebrati interamente online per le limitazioni imposte dal contenimento dell’epidemia. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform