direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A “l’Italia con Voi”, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’editoria, Andrea Martella, sul piano rilancio dell’editoria

RAI ITALIA

 

Martella richiama l’importanza dei giornali italiani editi all’estero e assicura attenzione e sostegno

 

ROMA – A “l’Italia con Voi”, la trasmissione di Rai Italia dedicata ai connazionali all’estero, è intervenuto in video collegamento il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’editoria Andrea Martella, che ha ricordato l’importanza di un’informazione di qualità e anticipato alcuni dei punti principali del piano di rilancio dell’editoria, che coinvolgerà anche i giornali italiani editi all’estero.

“Il lavoro dei media durante il lockdown è stato importantissimo e il ruolo dei giornali è stato fondamentale perché la battaglia contro il virus ha bisogno di un’informazione di qualità ed affidabile – ha affermato Martella, ricordando come attraverso i media i cittadini hanno potuto apprendere quali regole seguire per ridurre il contagio e anche il buon esito della campagna avviata in questi giorni sull’importanza dell’app Immuni, per il tracciamento dei contatti.

Ricorda poi che “i giornali italiani all’estero sono testate molto seguite, che rappresentano un importantissimo canale di collegamento tra le comunità e il nostro paese e quindi li seguiamo con attenzione, sono uno spaccato d’Italia fuori dai nostri confini e per questo vanno sostenuti e continueremo a farlo”.

A proposito del piano di rilancio dell’editoria, il Sottosegretario ribadisce che “è importante che informazione ed editoria vengano sostenute dallo Stato, come avviene in tutti i paesi d’Europa, sia in maniera diretta che indiretta, attraverso vari benefici”. “Pensiamo che questo sia anche il momento per fare in modo che ci possa essere una trasformazione del nostro sistema editoriale in senso tecnologico e digitale – prosegue Martella, segnalando che i fondi del Recovery Fund potranno concorrere a sostenere tale trasformazione, e per promuovere “le competenze digitali dei cittadini, molti dei quali si sono avvicinati al web in questo periodo e hanno bisogno di potervi accedere in maniera proficua”. Tra gli obiettivi anche “il rilancio della professione giornalistica”, che deve essere resa “meno precaria”.

Si tratta dunque di “un  lavoro complesso e molto importante per la nostra informazione e la nostra democrazia – conclude Martella. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform