direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A “l’Italia con voi”,  i deputati Massimo Ungaro (Italia Viva, ripartizione Europa) ed Eugenio Sangregorio (Usei, ripartizione America meridionale) sono intervenuti su alcuni dei temi dell’attualità politica

ELETTI CIRCOSCRIZIONE ESTERO

 

(fonte immagine Rai Italia)

ROMA – Ospiti di “l’Italia con voi”, la trasmissione di Rai Italia dedicata ai connazionali all’estero, i deputati Massimo Ungaro (Italia Viva, ripartizione Europa) ed Eugenio Sangregorio, eletto per l’Usei nella ripartizione America meridionale, sono intervenuti su alcuni dei temi di attualità della politica italiana e non solo.

In primo luogo, il conflitto in Ucraina: entrambi hanno condannato l’aggressione della Russia ed hanno espresso il loro appoggio per le azioni del Governo a sostegno della popolazione ucraina e per l’adozione di sanzioni volte a far desistere Mosca dal proseguire l’attacco.

Ungaro in particolare ha ricordato come l’Italia stia facendo la sua parte per l’accoglienza dei rifugiati, segnalando come siano in arrivo delle misure per proseguire tale sostegno. Ha inoltre sottolineato la necessità di “mettere fine al conflitto con un accordo diplomatico e politico”, e ribadito il ruolo del Governo di Kiev nei negoziati. Sangregorio ricorda invece come non vi fossero altri strumenti per agire se non l’inasprimento delle sanzioni alla Russia, pur riconoscendo come esse abbiano avuto e continuino ad avere ripercussioni anche sulle aziende italiane più coinvolte con l’export verso Mosca. A questo proposito Ungaro segnala che è previsto un fondo compensativo europeo per tali imprese, e ricorda come l’impegno del Governo italiano e dell’Europa più in generale sia anche quello di “cessare totalmente l’approvvigionamento energetico da Mosca”.

“Noi importiamo ogni anno dalla Russia 29 miliardi di metri cubi di gas; con i nuovi accordi con l’Algeria possiamo arrivare a 9 miliardi di metri cubi, a 6 da Congo e Angola, 3 dall’Egitto e con il Tap dall’Azerbaijan possiamo trovarne altri 6 o 7 – segnala Ungaro, che ritiene così possibile lo sganciamento dal gas russo per il nostro Paese. Ottimista sul tema è anche il deputato eletto nella ripartizione America meridionale Sangregorio.

Ottimismo condiviso anche sulla ripresa del settore turistico, che il Governo sta sostenendo e che i dati di Confesercenti per la bella stagione in arrivo confermano.

Infine, il richiamo all’Election Day, previsto il 12 giugno in Italia – primo turno delle elezioni amministrative e voto su 5 quesiti referendari sul tema della giustizia. Ungaro in particolare ribadisce il suo appoggio al sì a tali quesiti, perché ritiene che essi siano “improntati al garantismo e alla difesa dei valori della nostra Costituzione”.

In vista invece del voto del 2023, Ungaro ritiene necessaria “una riforma urgente delle modalità di voto all’estero, affinché sia messo in sicurezza per salvaguardare il diritto dei connazionali ad eleggere la propria rappresentanza democratica”. Entrambi i parlamentari non nascondono inoltre le difficoltà determinate dalla riduzione del numero dei parlamentari, specie per la consistenza numerica dei cittadini rappresentati nella diverse ripartizioni della Circoscrizione estero. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform