direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Ginevra seconda edizione di “Storie italiane”, sette personaggi si raccontano

ITALIANI ALL’ESTERO

Iniziativa dell’associazione Cultura Italia con il sostegno del Consolato generale d’Italia

Su un palco a raccontare esperienze di vita e lavoro

 

GINEVRA – Sette italiani su un palco a raccontare esperienze di vita e lavoro: è tornata con successo a Ginevra, per la seconda edizione, “Storie italiane”, iniziativa organizzata dall’associazione Cultura Italia con il sostegno del Consolato generale nella città svizzera. Per tre ore, i relatori si sono susseguiti sul palcoscenico con brevi interventi, conquistando l’attenzione del pubblico che ha gradito molto.

A parlare sono stati chiamati Paola Gaeta, professoressa di diritto internazionale penale che ha raccontato il difficile percorso che ha portato alla nascita della Corte Penale Internazionale e le sfide che il tribunale si trova oggi ad affrontare, Giovanni Ciserani, group presidente della ‘Global Fabric and Home Care’ di Procter & Gamble, ha parlato de “L’importanza di credere in se stessi e rimanervi fedeli”, Fabio Miccoli, già miglior sommelier della Svizzera e d’Italia, ha svelato i segreti della propria professione, Andrea Bellini, neo direttore del Centro di Arte Contemporanea di Ginevra, ha scelto il tema “Come vivere (bene) nel mondo dell’arte”.

Luciana Vaccaro, rettrice della Haute ecole specialisee de Suisse occidentale, è intervenuta su “Bachelor professionali e ricerca applicata. Un atout per la societa’”, mentre Edoardo Missoni, già esperto di cooperazione, ha toccato il tema “Oltre l’aiuto, oltre la crescita!”, raccontando di come sia approdato alla direzione del segretariato dell’Organizzazione Mondiale degli Scout. Oltre a loro, si è esibito in un’emozionante performance musicale Fabrizio Von Arx, napoletano, violinista di fama internazionale di base a Ginevra, che si è esibito con il suo G.B Guadagnini del 1754. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform