direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Casa Italia il Direttore Generale per gli Italiani all’Estero Luigi Maria Vignali parla della piattaforma Italea per il Turismo delle Radici

RAI ITALIA

(Fonte immagine Rai Italia)

ROMA – Il Direttore Generale del Maeci degli Italiani all’estero Luigi Maria Vignali è intervenuto nella trasmissione di Rai Italia, “Casa Italia” per parlare del portale ITALEA del turismo delle radici, un’iniziativa del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Dgit) realizzata con i fondi del PNRR.  Una piattaforma innovativa che porta i viaggiatori delle radici, ovvero gli italodiscendenti, gli oriundi e gli italiani residenti all’estero, a scoprire i luoghi e le tradizioni delle loro origini. Il portale – spiega il servizio di Rai Italia – Prende il nome da “talea”, la tecnica utilizzata in botanica per la propagazione di una pianta, in quest’ottica si inserisce il progetto del turismo delle radici, di cui il Maeci è attuatore dal 2022, e che fornisce un insieme di servizi turistici, anche per agevolare il viaggio in Italia, grazie al lavoro di una fitta rete di professionisti, guide e ricercatori, che in ogni regione d’Italia assistono i viaggiatori. Il sito fornisce anche dei genealogisti per ripercorrere la propria storia famigliare. Inoltre all’interno del sito sono presenti 20 portali uno per ogni regione. Infine viene fornita l’Italea card, che consente di usufruire di sconti per viaggiare, soggiornare, acquistare prodotti locali e ad accedere ai musei all’interno della penisola. “Il lancio della piattaforma Italea.com è un momento importante  – ha esordito nel suo intervento Vignali – Il sito è in grado di mettere in contatto tutti quelli che vogliono venire in Italia, che vogliono tornare alle loro origini con dei professionisti del settore, che  possono organizzare il viaggio, possono aiutare a muoversi e a trovare esperienze. I risultati dell’iniziativa sono molto incoraggianti, perché l’attività promozionale sta partendo adesso, quindi a macchine ferme abbiamo già avuto 7000 utenti unici, 26mila visualizzazioni, centinaia di richieste di ricostruzione genealogica o di itinerari specifici. Quindi abbiamo un riscontro molto positivo. Viene inoltre apprezzato – ha continuato il Direttore Generale – il linguaggio semplice diretto, che siamo riusciti a veicolare attraverso la piattaforma ed attraverso i nostri esperti. Noi – ha aggiunto Vignali ricordando i servizi offerti dal portale  – vogliamo realizzare viaggi esperienziali, che emozionino, che riconnettano i nostri connazionali all’estero con le loro identità, quindi qualcosa di più profondo di un semplice viaggio turistico. La piattaforma è la vetrina del progetto del turismo delle radici, ci sono 20 siti regionali, ma all’interno vi sono anche vari servizi come il genealogista, l’esperto in esperienze gastronomiche e in esperienze culturali. Quindi una serie di figure che abbiamo contribuito a formare e a preparare, in modo che anche i piccoli comuni italiani, che si apprestano ad attendere questi turisti, che vengono dall’estero siano pronti e sappiano cosa offrire loro”. Durante la trasmissione si è poi parlato del fumetto di Simona Binni “Sotto lo stesso cielo”, dedicato al turismo delle radici e sovvenzionato dal Maeci. “I nostri connazionali potenziali turisti delle radici sono tutti molto importanti, – ha rilevato in proposito Vignali – però certo le nuove generazioni lo sono ancora di più, perché sono proprio loro che dovrebbero rivisitare i luoghi delle origini dei loro antenati. Noi vogliamo distribuire questo fumetto, che abbiamo presentato al salone del libro di Torino, nel circuito scolastico in Italia e all’estero. Il fumetto narra – ha spiegato il Direttore Generale – una storia universale, la storia di un’argentina, ma che potrebbe essere la storia di tantissimi giovani connazionali nel mondo, che attraverso i racconti dei nonni e dei loro genitori vivono storie che loro non hanno mai visto di persona. Questi giovani,  attraverso questo viaggio romanzato raccontato nel fumetto, possono davvero riavvicinarsi ed ispirare altri giovani a venire in Italia”.  Sono state segnalate infine le prossime iniziative legate al progetto del turismo delle radici che si terranno nel mondo. “Si tratta – ha evidenziato Vignali – di eventi importanti, che coinvolgeranno centinaia di migliaia di italiani, in particolare a Toronto dove inizia questa festa italiana Taste of Italy. Vi sono già stati altri eventi, per esempio abbiamo sfruttato il passaggio della nostra nave scuola Amerigo Vespucci a Buenos Aires in Argentina, a Valparaiso in Cile, a Lima in Perù per promuovere il turismo delle radici. Poi – ha concluso il Direttore Generale – vi saranno ulteriori eventi. A fine giugno a San Paolo c’è la festa di San Vito, che coinvolgerà tantissimi connazionali; a settembre torneremo a Buenos Aires per la fiera internazionale del turismo e poi andremo al Columbus day a New York e  alla festa degli italiani a Melbourne in Australia. Quindi una serie di iniziative per tantissimi italiani, dove verrà presentato il turismo delle radici e dove cercheremo di coinvolgere il più possibile i nostri connazionali.” (Lorenzo Morgia/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform