direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Poliziotti cinesi insieme a Polizia di Stato e Carabinieri per assistere i turisti in Italia

SICUREZZA E COOPERAZIONE

L’iniziativa è stata presentata dal ministro dell’Interno Angelino Alfano e dall’ambasciatore della Repubblica Popolare della Cina Li Ruiyu

 

ROMA – Fino al 13 maggio prossimo, periodo di massima affluenza in Italia da parte di turisti cinesi, poliziotti della Repubblica Popolare della Cina coadiuveranno a Roma e Milano i colleghi italiani della Polizia di Stato e dei Carabinieri nelle attività istituzionali e nello scambio di informazioni rivolte all’assistenza dei turisti cinesi per facilitare eventuali contatti con le autorità locali e rappresentanze diplomatiche. Lo si legge in un servizio di Giancarlo Messina.

L’accordo di cooperazione internazionale di Polizia tra Italia e Cina dà seguito al memorandum d’intesa sottoscritto all’Aia il 24 settembre tra il ministero dell’Interno e il corrispondente dicastero della Pubblica sicurezza della Repubblica Popolare Cinese. I colleghi cinesi, prima di sbarcare in Italia, hanno seguito un training formativo a Pechino tenuto da ufficiali e funzionari italiani. I pattugliamenti congiunti inizieranno nelle città di Roma e Milano e saranno coordinati operativamente dalle questure e dai comandi provinciali dei Carabinieri. I poliziotti cinesi presteranno servizio con le proprie uniformi per essere ben riconoscibili dai propri connazionali.

L’iniziativa è stata presentata al Viminale dal ministro dell’Interno Angelino Alfano e dall’ambasciatore della Repubblica Popolare della Cina Li Ruiyu, insieme al capo Dipartimento della Polizia, Alessandro Pansa e al direttore generale del Dipartimento della cooperazione internazionale cinese, Liao Jinrong.

“Una giornata importante quella di oggi – ha detto il ministro dell’Interno Alfano – perché viene dato il via ad una iniziativa senza precedenti, un progetto sperimentale, che potrà allargarsi anche ad altre città, che rafforza la cooperazione di polizia e vede l’Italia come punto di partenza per tutta l’Europa. Per questo, vogliamo ringraziare il governo cinese. Il servizio è pensato per i flussi turistici e, se funzionerà bene, potremo valutare nuove forme di collaborazione considerata la presenza della comunità cinese nel nostro Paese”.

“La cooperazione di polizia è elemento fondamentale per la cooperazione tra Paesi – ha affermato l’ambasciatore Li Ruiyu – e l’accordo sottoscritto è il primo di questo tipo con una Paese europeo e misura l’importanza di voler tutelare i cittadini cinesi”. “L’accordo potrà invogliare sempre più cinesi a visitare l’Italia”, ha concluso l’ambasciatore.

“Vogliamo che il nostro sistema di polizia sia sempre più percepito come un’organizzazione di ‘Polizia di prossimità’, vicino alle esigenze dei cittadini”, ha commentato il capo della Polizia Pansa. “Questo strumento di collaborazione internazionale – ha aggiunto Pansa – va in questa direzione e vuole rendere più agevoli anche altre forme di collaborazione: è un partenariato che è in grado di consolidare sinergie di carattere istituzionale”.

“Un momento storico” è stato definito l’accordo dal capo Dipartimento della cooperazione internazionale cinese, Liao Jinrong, che ha ricordato la via tracciata, settecento anni fa da un italiano, Marco Polo, e che oggi viene percorsa in senso inverso, “da più di tre milioni di turisti cinesi che oggi anno sono desiderosi di visitare l’Italia”. All’incontro hanno preso parte, tra gli altri, il prefetto di Roma Franco Gabrielli e il vice capo di Gabinetto Franca Triestino. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform