direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

19^ Giornata Internazionale dei peacekeepers delle Nazioni Unite

FARNESINA

Sabato 29 maggio

ROMA – L’Italia, primo contributore di Caschi Blu tra i Paesi occidentali e tra i principali contribuenti al bilancio delle operazioni di pace, riafferma il suo impegno nell’assicurare la pace e la sicurezza internazionali sotto l’egida dell’ONU in occasione della 19ª Giornata Internazionale dei peacekeepers delle Nazioni Unite, che quest’anno è dedicata ai giovani militari e civili impiegati nelle missioni e al ruolo dei giovani nel costruire una pace duratura. La Giornata internazionale dei peacekeepers, istituita nel 2003 da una Risoluzione dell’Assemblea Generale ONU, rende omaggio alla dedizione, al coraggio e allo spirito di sacrificio del personale militare e civile impegnato nelle missioni di pace.

Decine di migliaia di Caschi Blu di età compresa tra 18 e 29 anni sono oggi dispiegati nelle missioni di pace ONU, svolgendo un ruolo cruciale nell’assicurare l’attuazione del mandato delle missioni e nel proteggere la popolazione civile. Negli ultimi anni, sotto la spinta della Risoluzione 2250/2015 del Consiglio di Sicurezza, istitutiva dell’Agenda Giovani Pace e Sicurezza (YPS), è cresciuta significativamente la collaborazione tra le operazioni di pace delle Nazioni Unite e le associazioni giovanili con l’obiettivo di costruire una pace sostenibile.

L’Italia crede fermamente che i giovani siano un motore vitale per la pace, il cambiamento e la prosperità. La loro sensibilità specifica e il loro approccio lungimirante, così come il loro idealismo, creatività ed energia, possono contribuire in modo significativo a costruire e sostenere la pace, fornendo soluzioni a lungo termine e promuovendo la prevenzione dei conflitti e la riconciliazione.

Una pace sostenibile e una prevenzione duratura dei conflitti possono essere raggiunte solo se i negoziati di pace – e la loro attuazione – sono davvero inclusivi e solo se tutti i segmenti della società – a partire dai giovani e dalle donne – sono in grado di far sentire la propria voce e contribuire al futuro della società in cui vivono. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform