direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Alberto Pimpinelli e Vincenzo Arcobelli intervengono a “l’Italia con Voi” sulla XV conferenza dei ricercatori italiani nel mondo

ITALIANI ALL’ESTERO

 

In collegamento dagli Stati Uniti, il presidente e il cofondatore della “Texas Scientific Italian Community”, associazione che ha curato quest’anno la conferenza, ribadiscono l’importanza di fare rete

 

ROMA – A “l’Italia con Voi”, la trasmissione di Rai Italia dedicata ai connazionali all’estero, sono intervenuti in collegamento, da Houston, il professore Alberto Pimpinelli, e da Dallas, Vincenzo Arcobelli, rispettivamente presidente e cofondatore della “Texas Scientific Italian Community”, associazione che ha curato quest’anno la XV conferenza dei ricercatori italiani nel mondo, svoltasi recentemente.

Pimpinelli segnala di essersi avvicinato all’associazione, nata nell’ottobre del 2019, perché “è importante promuovere la cultura italiana”, di cui sottolinea quale principale caratteristica l’unione di ambito scientifico e umanistico: nella cultura italiana confluiscono “la ricerca, l’innovazione tecnologica, l’industria, l’alta tecnologia, le piccole medie imprese, ma anche l’arte, la filosofia, la storia, l’architettura ed è l’insieme di tutte queste facce che fa sì che gli italiani siano speciali e possano dare un contributo molto speciale alle società in cui vivono – afferma. “L’unione di questi aspetti – rileva Pimpinelli – fa sì che il ricercatore italiano sia particolarmente creativo ed efficace, per il bagaglio che ci deriva dalla storia”.

Arcobelli si sofferma sull’importante traguardo raggiunto della conferenza, “nata nel 2005 in occasione del Columbus Day per mettere in evidenza le nostre eccellenze italiane”. “Da allora – prosegue – è cominciato un percorso che con la collaborazione delle autorità diplomatiche locali e di altre realtà, come il Ctim e il Comites, ha reso possibile il ripetersi dell’evento”. “Il nostro compito è promuovere i ricercatori italiani nel mondo ampliando la loro rete – ribadisce Arcobelli, che si sofferma sull’importanza del coinvolgimento delle associazioni in questo tipo di eventi. “Prima del Covid c’è stata un’emorragia di italiani che lasciavano il Paese per andare all’estero per scelta e per necessità. Sono italiani che hanno bisogno di un’accoglienza e che molto spesso l’hanno trovata nelle associazioni, che promuovono la ricerca ma assistono anche i connazionali – rileva Arcobelli, suggerendo poi iniziative per proseguire a far conoscere le eccellenze italiane all’estero, in particolare nella scienza, attraverso rubriche o webinar loro dedicati. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform