direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

XX Settimana della lingua italiana nel mondo, a “L’Italia con Voi” l’intervista al Direttore Generale  Luigi Maria Vignali (Dgit Maeci)

RAI ITALIA

 

ROMA – Giunta alla sua ventesima edizione, con oltre mille eventi previsti, la Settimana della lingua italiana nel mondo è dedicata quest’anno a “L’Italiano tra parola e immagine: graffiti, illustrazioni, fumetti”. A “L’Italia con Voi”, che ha dedicato una puntata a questo evento, è intervenuto, fra i vari ospiti, Luigi Maria Vignali, Direttore Generale per gli Italiani all’estero del Maeci, che si è in primo luogo soffermato sulla pubblicazione del fumetto “Una storia importante: 70 anni di immigrazione italiana in Belgio e oltre”. “E’ un progetto innovativo, un fumetto, che racconta la storia della nostra emigrazione in Belgio. Lo abbiamo fatto in collaborazione col Comites di Bruxelles e l’opera dell’artista Antonio Cossu: il tutto con un linguaggio nuovo e divertente per le nuove generazioni. Viene raccontato un pezzo di storia di successo con situazioni però anche tragiche come quella di Marcinelle”, ha spiegato Vignali parlando poi di cittadinanza italiana e associazionismo. “Vorremmo che l’acquisto delle  cittadinanza italiana si legasse sempre più a sistema di valori culturali e linguistici: il cosiddetto ‘Vivere all’Italiana’. Vorremmo però anche che l’associazionismo aiutasse i connazionali a fare rete per i nuovi italiani, nati all’estero, che devono legarsi alla madrepatria e per i giovani italiani che si recano all’estero per la prima volta, ad esempio studenti o chi è in cerca di lavoro, che l’associazionismo può aiutare attraverso la rete a integrarsi nei luoghi di arrivo ”, ha aggiunto Vignali sottolineando come teoricamente per chi possiede una discendenza diretta la conoscenza della nostra lingua non sia indispensabile per l’acquisto della cittadinanza italiana; diverso è il discorso della naturalizzazione che invece prevede un esame di lingua. “Ma noi vogliamo in qualche modo promuovere l’italianità anche ai nuovi cittadini – ha aggiunto Vignali – e quindi questo è un obiettivo per il quale la Settimana della lingua italiana è importante. Ci sono tanti cittadini che la ottengono e moltissimi che la richiedono, la nostra cittadinanza: dal Brasile e dall’Argentina ma anche dagli Usa e dall’Australia”, ha spiegato il Direttore Generale facendo riferimento al requisito più importante per ottenere la cittadinanza che resta quello dello ius sanguinis, ossia della discendenza diretta. Per rintracciare l’Ambasciata e il Consolato più vicini ci si può connettere all’applicazione Mappamondo scaricabile gratuitamente e utile per individuare il luogo più prossimo per richiedere tra l’altro la cittadinanza. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform