direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Voci dall’Australia: la storia di sei giovani connazionali nella ‘terra dei canguri’

CGIE

Seminario a Palermo sui Giovani Italiani nel Mondo

 

PALERMO –  Sei giovani che vivono in Australia sono giunti al seminario del Cgie in terra sicula pieni di speranze e di progetti. Sono Fabrizio Venturini, Chiara De Lazzari e Nicholas Musto da Melbourne (Comites di Victoria e Tasmania); Leonardo Morandini di Melbourne (Consulta regionale dell’Umbria); Giuseppe Albertini Cassin di Brisbane (Comites di Queensland NT); Robert Salerno di Adelaide (Comites di South Australia). Chiara si è trasferita in Australia sei anni e mezzo fa per un dottorato di ricerca, che ha concluso nel 2017: è rimasta a vivere lì e attualmente insegna scienze politiche all’università. Nicholas è invece un italiano di seconda generazione, con studi linguistici alle spalle. Robert è fisioterapista in un centro medico nel South Australia e organizza eventi per i giovani italiani che arrivano ad Adelaide, per fare amicizia e imparare le lingue. Giuseppe è nato in Brasile ma vive in Australia da quindici anni, vanta bisnonni italiani; è avvocato e lavora a stretto contatto con la comunità italiana: il suo obiettivo è ridurre il gap generazionale tra vecchie e nuove migrazioni. Leonardo si è trasferito a Melbourne circa due anni fa e studia medicina con l’obiettivo di rimanere lì ad esercitare la professione. Anche Fabrizio fa parte della cosiddetta nuova mobilità: trasferitosi in Australia per curiosità e per un tentativo, è rimasto ed è attualmente attivo nell’associazionismo per aiutare gli italiani che arrivano in quella terra, così complicata soprattutto dal punto di vista burocratico. Per ora nonostante le problematiche l’Australia sta comunque offrendo a questi ragazzi, che ci vivono e che vi hanno investito tempo e speranze per il loro futuro, delle possibilità e delle opportunità. Alcuni di loro non hanno però cancellato del tutto l’idea di poter tornare un giorno in Italia. (Simone Sperduto/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform